Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, switch-off Piemonte: le tv locali chiedono contributi alla Regione
La Federazione Radio Televisione (FRT) ha reso noto che "Nella giornata del 6/04/09 un’ampia delegazione delle tv locali piemontesi di FRT, ha incontrato la Presidente della Giunta Regionale del Piemonte On. Mercedes Bresso. Le emittenti hanno espresso preoccupazione per il passaggio al digitale in un momento economico così delicato e per l’indifferenza generale verso le tv locali nella difficile fase di transizione alla nuova tecnologia. Hanno chiesto interventi economici a livello regionale ed una difesa sui temi della ricevibilità nei condomini, sulla numerazione dei programmi a tre cifre, sulla certezza del tempo tra switch-over e switch-off e tra Piemonte occidentale e Piemonte orientale, sulla ricevibilità in tutto il Piemonte. La Presidente Bresso ha sottolineato come, a suo parere, i temi di carattere generale sollevati dalle tv locali trovino una coincidenza con gli interessi dei cittadini piemontesi. “Trovo giusto che in Piemonte gli impianti televisivi di trasmissione degli operatori pubblici e privati abbiano tutti la medesima potenza di emissione per avere impianti condominiali semplici e più economici. È poi opportuno che la sintonizzazione sia per i cittadini automatica e facilmente riconoscibile e le tre cifre sono ormai uno standard per il digitale. I tempi di passaggio al digitale devono essere certi non solo per gli operatori locali per i quali sono vitali ma anche per i cittadini che devono uscire rapidamente da uno stato di confusione e diversità da area ad area. Su tutto questo siamo pronti a legiferare a livello regionale, essendo la materia televisiva concorrete fra Regioni e Stato e sul livello locale addirittura esclusiva”. La Presidente Bresso poi sul piano economico ha convenuto che la Regione debba affrontare uno sforzo straordinario per reperire risorse aggiuntive dalla comunicazione e dal capitolo dell’innovazione per affrontare un evento unico di valenza epocale. Il budget che ha dichiarato di poter stanziare ammonta ad alcuni milioni di euro. In particolare è stato assicurato che sarà istituito il “Fondo di Garanzia per il Passaggio al Digitale” a favore dell’emittenza locale, richiesto durante l’incontro; a tale scopo all’interno degli attuali Consorzi di garanzia sarà istituita una riserva perché possano essere prestate garanzie fideiussorie alle banche per finanziare i bilanci delle emittenti che dovranno sopportare i disagi economici e finanziari determinati sui loro ricavi dalla transizione al digitale. Le emittenti locali piemontesi sono rimaste soddisfatte dall’incontro ed attendono che gli Uffici si adoperino per l’attuazione degli impegni presi così autorevolmente".
20/04/2009 10:08
 
NOTIZIE CORRELATE
"La famiglia Tacchino, proprietaria delle emittenti, decide il licenziamento del 60% delle lavoratrici e dei lavoratori di Telecity-Telestar-Italia 8 e la contestuale chiusura delle sedi di Torino e Genova." Lo annuncia una nota congiunta di Fnsi e Slc Cgil.
Conclusa la cessione di un asset dell’emittente Telecolor a Sestarete; Advisor: Consultmedia. La prima struttura italiana di competenze a più livelli in ambito mediatico Consultmedia (collegata a questo periodico) ha assistito le società Telecolor s.p.a. (Cremona) e Beacom s.r.l. (Torino), nella cessione dalla prima alla seconda di un asset aziendale costituito dall’autorizzazione regionale per il Piemonte per fornitura di servizi di media audiovisivi sul digitale terrestre tv con associato l’importante logical channel number 19 (numerazione automatica del telecomando).
Nel viaggio tra le emittenti italiane assistite da Consultmedia (struttura di competenze a più livelli collegata a questo periodico), rimaniamo in Piemonte, dove opera una stazione interregionale che da 40 anni accompagna intere generazioni col claim "Radio Mondo Sei Tu!"
Stretta nelle morse della crisi (ma anche da gravissime scelte errate compiute, quantomeno negli ultimi dieci anni, dall'intero comparto) che non risparmia quasi nessuna tv locale, anche la storica emittente interregionale Telecity (legata a 7 Gold), anzi l'intero gruppo piemontese che la riguarda (e che ha grandi interessi anche in Lombardia e Liguria), pensa ad un licenziamento collettivo, che in questo caso riguarda 60/70 dipendenti.