Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, switch-off provincia di Cuneo (area tecnica 1 Piemonte occidentale). Riflessioni di un protagonista
La partecipazione diretta (fisicamente sul campo) ai primi due giorni di switch off nell'area tecnica 1 (Piemonte occidentale, province di Cuneo e Torino) ha permesso di verificare quanto fosse corretto ciò che questo periodico andava ripetendo da mesi.
E ciò a riguardo dei problemi che le emittenti locali o le nazionali minori sarebbero state chiamate a fronteggiare. Potrà sembrare irragionevole, ma a patire le conseguenze di uno switch off forzato e attuato a tappe (necessariamente) obbligatorie saranno probabilmente le emittenti più forti a livello editoriale/imprenditoriale e maggiormente presenti (come distribuzione del segnale) sul territorio. Questo in conseguenza del fatto che l’assegnazione di una singola risorsa frequenziale, di norma, mal si concilia – a causa delle caratteristiche tecniche di reti diffusive costruite nel tempo, secondo la logica dello sviluppo progressivo – con la realizzazione di una rete SFN nelle zone territoriali più remote, quali le valli laterali e i piccoli comuni. In tali casi sarebbe quanto mai opportuna l’assegnazione di almeno una risorsa ulteriore (a parità di multiplexer), nelle aree secondarie (di norma valli), che potesse permettere di attuare, mediante l’alternanza di due canali, la ripetizione in banda, evitando l’installazione di costose tratte dedicate. Sino a quel momento - che potrebbe anche non arrivare, vista la scarsità di risorse frequenziali disponibili e nonostante la Delibera 294/09/CONS lo preveda all’art. 1, comma 3 – le emittenti più articolate sul piano diffusivo potrebbero essere costrette al silenzio tecnico ed editoriale, esercendo pochi (grandi) impianti non problematici ed illuminando così una parte considerevolmente inferiore dell’area storicamente servita. Un quadro fattuale in aperto contrasto con l’impegno assunto dalle istituzioni a riguardo di un uso efficiente e pluralistico della risorsa radioelettrica, nonché di una razionale distribuzione delle risorse fra soggetti operanti in ambito nazionale e locale e a tutto danno di un’utenza già discriminata tecnicamente (per via dell’orografia del territorio), che vedrebbe fortemente ridotta l’offerta televisiva, a dispetto delle premesse del digitale terrestre. (M. P. per NL)
28/09/2009 20:06
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).