Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, tv locali e nazionali minori: al pettine i nodi dei numeri LCN. Ma è troppo tardi?
I lettori più assidui di questo periodico sanno che ne stiamo parlando da almeno due anni e che dal settembre del 2008 avevamo intensificato gli avvertimenti. Le tv locali si stanno facendo scippare l'avviamento, cioè la presintonizzazione sul telecomando. A rischio, soprattutto, le reti nazionali minori e le grandi emittenti regionali che oggi occupano i numeri del bastone del comando che vanno dall'ottavo al ventesimo o trentesimo posto (a seconda della funzionalità dell'apparecchio). Per loro il rischio è di vedersi relegati nel ghetto dei logical channel number (LCN) prossimi al migliaio, con potenziale di frequentazione vicino allo zero. Un po' come accade con Sky, dove le visite maggiori si hanno nel gruppo di canali che va dal 100 al 181 (generalisti), dal 200 al 264 (sport), dal 300 al 399 (cinema), dal 400 al 491 (documentari), dal 500 al 580 (news), dal 600 al 699 (programmi per bambini), dal 700 al 795 (canali musicali). Le "altre tv" si piazzano dall'800 al 965, con potenzialità di visione ovviamente notevolmente inferiori (se non altro per stanchezza del telenauta). Però col vantaggio di una più democratica codificazione a tre cifre. Per salvare il salvabile, le intorpidite emittenti locali stanno cercando di chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati, chiedendo, appunto, di aggiornare i numeri LCN con il sistema delle tre cifre (101, 102, 103... 201, 301, 401, ecc..). Ma i big player non ci stanno: essendosi ben piazzati ai comodi e preziosi numeri 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, di mollare la posizione acquisita non ci pensano nemmeno. E ciò è comprensibile, tanto più che il vantaggio è stato praticamente loro regalato.  "Troppa superficialità. Troppo affidamento. Le televisioni locali hanno sottovalutato il digitale terrestre. Ma non nelle sue potenzialità tecnologiche, quanto nel tipo di approccio politico che esso imponeva. Così ora si trovano, a giochi quasi completati, a scoprire, con terrore, che molte di esse lasceranno canali presintonizzati in posizioni interessanti del telecomando e coerenti con l'utenza ricevente per canali collocati in numerazioni assurde (grazie ai codici LCN già spartiti dai grandi) e in direzione opposta alle antenne riceventi. Cosicché nessuno le cercherà (più) e chi lo farà non le troverà (più). Di ciò dovranno ringraziare i loro rappresentanti ai tavoli istituzionali. Chi è causa del suo mal, pianga sè stesso". Lo scrivevamo il 20 gennaio 2009. Nemo propheta in patria sua.
25/06/2009 17:35
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.