Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, Val d'Aosta: sarà Rai-Rai Way a adeguare e gestire postazioni per le radio-telecomunicazioni
La Giunta regionale ha deciso di affidare a Rai-Ray Way l'adeguamento e la gestione delle postazioni per le radio-telecomunicazioni di proprietà degli enti locali, per il passaggio al digitale terrestre, tra il 14 ed entro, e non oltre, il 23 settembre.
Saranno affidate a Rai – Rai Way le attività di adeguamento, gestione e manutenzione delle postazioni per le radio-telecomunicazioni di proprietà degli enti locali valdostani, al fine di permettere il definitivo passaggio alla trasmissione televisiva digitale terrestre che, nella nostra regione, verrà attivata nel periodo compreso tra il 14 ed entro, e non oltre, il 23 settembre. "L’affidamento dell’incarico a Rai Way – ha detto il presidente della Regione, Augusto Rollandin – è uno dei passaggi fondamentali per arrivare al completamento della rete digitale in Valle d’Aosta in vista dello switch-off di settembre. Siamo quindi ad una delle ultime fasi tecniche di un percorso che si annuncia come una rivoluzione per la storia della televisione, ma che è comunque un processo tecnico e di gestione complesso, per il quale stiamo cercando di dare ai cittadini valdostani il massimo supporto, ma che sappiamo comunque non sarà privo di inconvenienti". Attualmente, la diffusione radiotelevisiva sul territorio regionale è realizzata attraverso la presenza di postazioni per le radio telecomunicazioni: di queste, 21 sono di Rai, sulle quali la stessa garantisce tutti gli adeguamenti necessari, e 20 sono di proprietà degli enti locali regionali, sulle quali sono installati apparati Rai e che necessitano di adeguamenti strutturali e tecnologici già gestiti e mantenuti dalla società Rai Way. Altre 27 postazioni sono sempre di proprietà degli enti locali, ma su queste sono installati apparati radioelettrici di proprietà degli stessi, per i quali sono necessari interventi di adeguamento infrastrutturale e tecnologico, nonché di gestione e manutenzione. (da Aostasera)
22/07/2009 06:29
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.