Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Diritto d'autore: radio, siete monitorati!
"La Piattaforma a regime prevede il monitoraggio continuativo di oltre 60 emittenti radiofoniche che comprendono tutte le principali emittenti nazionali e un campione significativo di emittenti locali ruotate periodicamente".
E' questo l'incipit della presentazione dell'istituto di ricerca Knowmark, secondo i promotori "una moderna agenzia di servizi per la società della conoscenza", la cui "mission è centrata sulla soddisfazione dei bisogni informativi nell’ambito dei contenuti immateriali, erogati da vecchi e nuovi media". La "piattaforma radio" di Knowmark è "allocata presso la Direzione Generale Siae di Roma" e i primi dati sono stati resi disponibili da marzo 2009, mentre il rilascio delle informazioni anche verso terzi soggetti interessati alle informazioni prodotte dalle analisi, è iniziato da giugno 2009. "Oltre al completo monitoraggio delle opere divulgate ai fini di rendicontazioni ancora più dettagliate e la relativa produzione di classifiche di programmazione, certificate dalla Siae, sarà possibile disporre del completo monitoraggio delle pianificazioni pubblicitarie e di analisi specifiche dedicate alla qualificazione dei contenuti non musicali trasmessi. Un risultato davvero importante per tutto il mercato che potrà finalmente disporre di dati attendibili e certificati". Editori radiofonici, siete contenti dell'attenzione al medium o, leggendo, avete provato un brivido lungo la schiena?
19/10/2009 06:03
 
NOTIZIE CORRELATE
Mercoledì 8 marzo, si è tenuto presso la sede di Confindustria Radio Televisioni (CRTV), un ulteriore incontro con una delegazione della SCF e i rappresentanti dell’Associazione Radio FRT e di Aeranti-Corallo, avente per oggetto il rinnovo della convenzione per i diritti connessi.
L’Unione Europea, vuole estendere la tutela dei diritti connessi all’editoria digitale per tutelarne la situazione economica: una misura che rischia seriamente di trasformarsi in una clamorosa spallata sia all’accesso d’informazioni per l’utenza che ai piccoli editori.
Oltre all’aspetto primario di utilizzo musicale, ci sono altri aspetti che derivano dallo streaming e dall’utilizzo di tale servizio. Anzitutto la platea che si apre agli autori che si avvalgono anche dei servizi in streaming per la diffusione delle loro creazioni è quella degli internauti e quindi potenzialmente l’intero mondo di Internet.
La SIAE accoglie la richiesta del presidente dell’Associazione Internet Media - ing.
Come affermato sul sito web, SCF è la società che, in Italia, gestisce la raccolta e la distribuzione dei compensi, dovuti ad artisti e produttori discografici, per l’utilizzo in pubblico di musica registrata.