Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Diritto d'autore. Siae-Disc-Jockey: riunione del Comitato paritetico
Martedì 31 marzo si è riunito per la prima volta, presso la Direzione Generale della Società, il Comitato Paritetico tra la SIAE e le Associazioni nazionali rappresentative dei Disc-Jockey che hanno sottoscritto il protocollo d’intesa per la licenza “copie-lavoro” dei DJs (Assodeejay/Assortisti – A-DJ- AID – ANPAD). Il Comitato ha esaminato i risultati dei primi quattro mesi di rilascio della licenza copie/lavoro analizzando i problemi normativi e applicativi emersi al fine di migliorare l’efficienza del servizio per quanto possibile. Al 31 marzo di quest’anno sono state rilasciate oltre 200 licenze. Unanime l’intento di ampliare e potenziare la comunicazione sul territorio per far conoscere capillarmente finalità e termini della licenza ancora troppo poco conosciuta tra gli addetti ai lavori e di aumentare parallelamente i controlli presso le discoteche. Avviate anche le procedure decentralizzate di rilascio della licenza con l’ausilio del personale e degli agenti SIAE sul territorio. Presso i 646 sportelli della rete territoriale i Disk-Jockey potranno infatti sottoscrivere direttamente la licenza ed effettuare il pagamento dei diritti, provvedendo poi a trasmettere via internet le dichiarazioni delle copie-lavoro realizzate. (SIAE)
04/04/2009 07:57
 
NOTIZIE CORRELATE
Mercoledì 8 marzo, si è tenuto presso la sede di Confindustria Radio Televisioni (CRTV), un ulteriore incontro con una delegazione della SCF e i rappresentanti dell’Associazione Radio FRT e di Aeranti-Corallo, avente per oggetto il rinnovo della convenzione per i diritti connessi.
L’Unione Europea, vuole estendere la tutela dei diritti connessi all’editoria digitale per tutelarne la situazione economica: una misura che rischia seriamente di trasformarsi in una clamorosa spallata sia all’accesso d’informazioni per l’utenza che ai piccoli editori.
Oltre all’aspetto primario di utilizzo musicale, ci sono altri aspetti che derivano dallo streaming e dall’utilizzo di tale servizio. Anzitutto la platea che si apre agli autori che si avvalgono anche dei servizi in streaming per la diffusione delle loro creazioni è quella degli internauti e quindi potenzialmente l’intero mondo di Internet.
La SIAE accoglie la richiesta del presidente dell’Associazione Internet Media - ing.
Come affermato sul sito web, SCF è la società che, in Italia, gestisce la raccolta e la distribuzione dei compensi, dovuti ad artisti e produttori discografici, per l’utilizzo in pubblico di musica registrata.