Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Dopo Audiweb in Italia, Nielsen è lo standard di misurazione anche nell’industria digitale inglese
The Nielsen Company ha annunciato di essere stata nominata da UKOM, l’ente U.K. di Online Measurement, come suo partner ufficiale per creare il primo standard di misurazione locale per la pianificazione di campagne pubblicitarie su internet.
La selezione di Nielsen per questa importante missione sottolinea la sua leadership globale nel definire standard di misurazione per il mondo digitale, ed espande a 10 tra i mercati più grandi al mondo il numero dei paesi per i quali fornisce questi standard. Oltre che in U.K. con questo nuovo accordo e in Italia con Audiweb, partnership attiva ormai da un anno e mezzo, Nielsen fornisce standard di misurazione anche in Francia, Spagna, Brasile, Giappone, Svizzera, Cina e Sud Africa. Inoltre, Nielsen ha recentemente annunciato di aver acquisito KoreanClick, la società leader nelle misurazioni online in Sud Corea, diventando così leader globale per le analisi web in 30 mercati.  “Siamo lieti di aiutare UKOM a costruire il primo concordato strumento di pianificazione online”, afferma John Burbank, CEO della divisione Online di Nielsen. “La selezione di Nielsen come partner - supportata da media, spender pubblicitari e agenzie - dimostra la fiducia del mercato nell’affidabilità, profondità e validità delle nostre analisi. Non vediamo l’ora di lavorare insieme a UKOM e continuare a svolgere questo ruolo significativo nel realizzare le enormi potenzialità del web come medium pubblicitario”. Pronto per essere lanciato a gennaio 2010, il sistema APS (Audience Planning System) di UKOM, implementato da Nielsen, dà agli spender pubblicitari e alle loro agenzie la possibilità di pianificare sui media digitali utilizzando un unico benchmark di mercato, fonte di dati sull’online accurati e dettagliati, proprio come già accade in U.K. per TV, radio e stampa. Guy Phillipson, CEO dell’Internet Advertising Bureau (IAB) e direttore UKOM, afferma: “APS di UKOM rappresenta una vera pietra miliare per l’industria dell’online. Per la prima volta, gli inserzionisti e le agenzie saranno in grado di pianificare fiduciosamente le loro campagne, utilizzando dati di audience approvati dal settore e confrontabili con i media tradizionali, come TV e stampa. La scelta del fornitore di questo sistema è stata una partita combattuta per via delle esigenti richieste di UKOM. In Nielsen abbiamo trovato un partner con cui, dopo mesi di duro lavoro, siamo riusciti ad affinare il sistema e a raggiungere le specifiche finali. Sono fiducioso che il sistema APS di UKOM trasformerà il medium internet per gli spender pubblicitari”.  Nel 2008, secondo i dati IAB, il mercato del display advertising è stato pari a 637 milioni di sterline (oltre un miliardo di dollari) – il 90% in più rispetto al 2005. Inoltre, la crescita del display è rimasta indietro rispetto alle altre due maggiori forme di pubblicità online – search (+ 159%) e classified (+ 173%). Lo standard di misurazione della pianificazione aiuterà il display advertising a crescere molto più velocemente, spingendo gli inserzionisti a investire con fiducia maggiori quote di budget in questa tipologia di advertising.
01/10/2009 15:34
 
NOTIZIE CORRELATE
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
La centralità di internet è, nel mondo moderno, sempre più permeante e nelle zone caratterizzate dal fenomeno del digital divide, il disagio consiste nel non beneficiare di una connessione internet fissa, o di averne una troppo lenta che, inevitabilmente, va ad intaccare il lavoro degli utenti che utilizzano la rete per questioni legate al business.
Novità per Nielsen, che finalmente conquista la certificazione Media Rating Council (Mrc) negli Usa per la metodologia “Digital in Tv Ratings", che permette di associare alla tradizionale audience tv il pubblico che utilizza abitualmente altri supporti digitali, integrando quindi pc, tablet, smartphone e affini nella raccolta di dati interconnessi alla fruizione degli stessi programmi emessi su piccolo schermo.
Google e Facebook fanno incetta di utenti online sulle loro piattaforme: si tratta di numeri da capogiro, con utenti, per il mese di dicembre dello scorso anno, intorno ai 34 milioni per il search engine e i 28 milioni per il social.
Il nuovo report firmato Audiweb e contenente le rilevazioni dell’audience digitale nel mese di dicembre 2016 rivela un cambiamento di abitudini in termini di navigazione: si evidenzia, infatti, una diminuzione delle connessioni da desktop (-11,2% nel giorno medio e -5% nel mese) e una crescita percentuale invece dell’accesso internet da mobile (+8,1% nel giorno medio e +15,3% nel mese).