Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT. Piemonte, Cuneo, digitale terrestre: incertezza regina
(Targato CN) - Dal Consiglio regionale al parlamento si moltiplicano le richieste di chiarimenti sull’entrata in funzione del digitale terrestre e sulle problematiche di copertura che si porranno per le aree montane del Cuneese. Il rischio che il pagamento del canone Rai non sia sufficiente a garantire il servizio con la sparizione, in un primo tempo, di Rai 2 e Rete 4 appare concreto. A sottolinearlo, in un’interrogazione rivolta al ministro per lo Sviluppo Economico Claudio Scajola, sono alcuni parlamentari piemontesi del Partito Democratico: il primo firmatario Giorgio Merlo, Vice Presidente Commissione Vigilanza Rai e gli Onorevoli Massimo Fiorio, Mario Lovelli ed Anna Rossomando. "Per ora – spiega l’On. Merlo - la copertura del segnale risulta essere discreta in Torino città, mentre la stessa situazione non si verifica per la provincia di Torino e, in maniera ancor più significativa, per quella di Cuneo. L’assenza di copertura colpisce soprattutto le piccole realtà locali, che risultano essere ancora una volta penalizzate rispetto al resto del territorio con enormi ricadute negative per ampi settori delle popolazioni interessate”. L’iniziativa dei parlamentari del PD ha suscitato l’apprezzamento del Consigliere regionale Mariano Rabino. “I problemi derivanti dal passaggio al digitale terrestre nelle Province di Torino e di Cuneo – spiega l’esponente politico albese -, in particolare nelle aree montane, collinari e rurali, erano da me già stati sollevati in più occasioni, per esempio recentemente all’ultima assemblea Uncem del Piemonte di lunedì scorso e all’ultima seduta del Consiglio regionale. Sono grato all’On. Giorgio Merlo che ha interrogato il Governo sul disagio che subiranno, a seguito dello spegnimento del segnale analogico, gli utenti che vivono in zone dove il digitale non risulterà decodificabile e che, quindi, saranno vittime di un vero e proprio blackout non potendo più ricevere Rai Due e Rete 4. A questo punto la proposta da me avanzata di uno sconto del canone di abbonamento Rai pari al costo di un decoder per ricevere il segnale satellitare o digitale terrestre risulta non più sufficiente, visti i tempi ristretti. Pertanto, al fine di scongiurare una interruzione del servizio pubblico radiotelevisivo, ritengo che si debba rinviare la data del 20 maggio, come anche richiesto dall’Apert (Associazione piemontese emittenti radiotelevisive). Mi auguro che la Giunta regionale possa aderire a questa mia proposta e in tal senso si faccia promotrice di un’iniziativa tempestiva presso il Ministero delle Telecomunicazioni”.
27/03/2009 11:20
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
"La famiglia Tacchino, proprietaria delle emittenti, decide il licenziamento del 60% delle lavoratrici e dei lavoratori di Telecity-Telestar-Italia 8 e la contestuale chiusura delle sedi di Torino e Genova." Lo annuncia una nota congiunta di Fnsi e Slc Cgil.