Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT, Retecapri vuole il secondo mux nazionale. "Proseguiamo la lotta per difendere i nostri diritti"
Riceviamo e pubblichiamo dall'emittente tv nazionale Retecapri un nuovo comunicato di protesta a riguardo della mancata assegnazione del secondo multiplexer nazionale.
"TBS (Television Broadcasting System S.p.A.), titolare di concessione per la radiodiffusione televisiva in tecnica analogica su frequenze terrestri in ambito nazionale per l’emittente Retecapri, sottolinea ancora una volta di essere soggetto avente titolo all’assegnazione dei diritti d’uso delle frequenze occorrenti al fine dell’implementazione del secondo multiplex denominato “Omega” che, al momento, non è stato ancora legittimamente assegnato. La grave mancanza era nata il 7 aprile scorso ad opera dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) che, con propria delibera, aveva definito un mappatura digitale delle frequenze duramente contestata da Retecapri (che alla fine di agosto ha presentato ricorso al Capo dello Stato) e dall’associazione CNT-Terzo Polo Digitale, oltre che da altre numerose associazioni di settore, perché garantiva la piena disparità tra i vari soggetti. La Legge Comunitaria 2008 ha poi confermato quanto stabilito dalla delibera Agcom. In particolare, oltre a riconfermare il duopolio con ben 4 mux assegnati a Rai e Mediaset e la possibilità di poter accedere ad un quinto grazie agli altri 5 mux da assegnare all’asta, l’incomprensibile e gravissima disparità con Rete A, alla quale sono stati assegnati due mux. Da qui la profonda preoccupazione di T.B.S. circa l’ operato di Agcom e del MSE-Comunicazioni “censurabile sotto una pluralità di profili, sia procedurali che sostanziali”, nel rispetto dei criteri stabiliti dalla legge e dalla stessa Agcom".
23/09/2009 13:39
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).