Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DVB-T, Piemonte: oscurate su molte aree le reti RAI dopo lo switch-over. 11 mila chiamate di protesta solo ieri
Lo avevamo ripetuto, insieme a molti altri, innumerevoli volte; avevamo cercato - insieme ai più realisti osservatori della migrazione tecnologica - di trattare il problema del traghettamento televisivo da una tecnica diffusiva all'altra sotto diversi aspetti.  Eppure le istituzioni - negando anche l'evidenza di una profonda impreparazione tecnica dell'utenza all'evento - hanno continuato a rassicurare sull’assenza di intoppi tecnici in ordine dalla delicata fase dello switch-over piemontese. L'associazione DGTVi addirittura minimizzava sino ad affermare – nella giornata di ieri – che il processo di conversione al digitale di Rai 2 e Rete 4 era riuscito perfettamente. Provino a spiegarlo a quegli 11 mila piemontesi, compresi tra la provincia di Torino e quella di Cuneo che, da ieri, hanno affollato il centralino del numero verde del MSE-Comunicazioni (800-022.000) affermando che, nonostante il decoder, i canali RAI erano oscurati. Come se non bastasse, la ricezione era impedita non in piccole zone della città ma in interi quartieri del centro e della periferia, sino ad arrivare alla prima cintura della città. Stiamo parlando della Crocetta, di Borgo Vittoria, della collina e della pre-collina torinese, di La Loggia e di Moncalieri. Ben lungi da chi scrive la volontà di dare vita ad una vera e propria caccia alle streghe: va da sé che in processi di cambiamento così radicali le responsabilità sono ascrivibili a più parti, ma è certo che la Sardegna – come è stato più volte sottolineato – non poteva e non può essere considerata un campo prova. E’ ora che si comincia a fare sul serio, quindi attenzione perché dopo il Piemonte verrà il Lazio, poi la Campania e poi ancora la Lombardia, dove la presenza - senza altri pari in Italia - di centralini e filtri nei sistemi d'antenna condominiali - mette ad altissimo rischio la continuità di sintonizzazione delle emittenti. Terreni aspri e pieni di insidie. Nel frattempo, chi spiega ai cittadini che pagano il canone che il loro “posto in prima fila” non vale – al momento – il prezzo di un posto in galleria? (M. P. per NL)
22/05/2009 16:59
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.