Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
E-Gov 2012: presenta le università digitali
Il Ministro Renato Brunetta, ha presentato il 20 maggio 2009, nella sala stampa di Palazzo Chigi, - insieme con il Rettore dell'Università di Roma Tre ed i Pro-Rettori delle Università statali romane "La Sapienza" e "Tor Vergata", lo sviluppo dell'Obiettivo del Piano E-gov 2012. Il Piano prevede due progetti: 1) Servizi e reti WIFI (costo di 21 milioni di €, di cui 9 finanziati dal Ministero PA e 12 dalle Università); 2) Università digitale (costo di 5,5 milioni di €, di cui 3,3 finanziati dal Ministero PA e 2,2 dalle Università). Questa convergenza di impegno politico-istituzionale per quasi 2 milioni di euro (di cui 1,3 milioni di finanziamenti per la parte di competenza del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione e 650.000 di cofinanziamento da parte delle tre Università) intende porre sullo stesso piano le Università statali romane, creando sinergie che accrescano l'efficacia degli interventi. Il successo del progetto "Università digitale" e dell'intero "Piano E-gov 2012" dipende, quindi, dalla capacità di intervenire sui processi organizzativi, stimolando il riuso delle esperienze di successo e delle soluzioni collaudate. L'innovazione tecnologica adottata quotidianamente punta, fra le altre cose, a potenziare la copertura Internet dell'intera area dell'ateneo e del territorio limitrofo; ad adottare tecnologie wireless di nuova generazione (WIMAX); ad introdurre la tecnologia VOIP a favore del personale amministrativo, del personale docente e degli studenti; semplificare e digitalizzare i rapporti amministrativi tra studenti e università, attraverso l'adozione di strumenti di autenticazione e accesso ai servizi, l'assegnazione allo studente di una casella di posta certificata.
26/05/2009 05:06
 
NOTIZIE CORRELATE
Come reso noto in precedenza, dal 23/12/2016 sono entrate in vigore le nuove norme sull'accesso generalizzato, il cd FOIA ai sensi del quale chiunque ha diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli già oggetto di pubblicazione obbligatoria senza necessità di fornire una motivazione.
L'Autorità Nazionale Anticorruzione ha pubblicato la Determinazione n. 1310 del 28/12/2016 contenente le Prime linee guida recanti indicazioni sull’attuazione degli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni contenute nel d.lgs. 33/2013 come modificato dal decreto legislativo n. 97/2016.
Il direttore della Gazzetta del Mezzogiorno Giuseppe De Tomaso ha definito “un colpo micidiale, forse mortale al mondo dei giornali” il progetto renziano di far pubblicare solo su internet gli annunci di gare d’appalto e aste giudiziarie da parte di enti pubblici e tribunali.
L'art. 116 c.p.a. Rito in materia di accesso ai documenti amministrativi recita testualmente: "Contro le determinazioni e contro il silenzio sulle istanze di accesso ai documenti amministrativi nonché per la tutela del diritto di accesso civico connessa all'inadempimento degli obblighi di trasparenza, il ricorso è proposto entro trenta giorni dalla conoscenza della determinazione impugnata o dalla formazione del silenzio, mediante notificazione all'amministrazione e ad almeno un contro interessato...".
Nascono dalla voglia di cambiamento e innovazione le startup degli imprenditori italiani, che trovano applicazione per lo più nei settori del web (49%), dell’ICT (21%), dei servizi (19%), dell’elettronica e dei prodotti di consumo.