Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Edisud (Gazzetta del Mezzogiorno) condannata a riassumere sette collaboratori fissi
La Edisud spa, società editrice della Gazzetta del Mezzogiorno, è stata condannata per comportamento antisindacale dal giudice del lavoro di Bari per il licenziamento collettivo di sette collaboratori fissi, titolari di rapporti di lavoro ex art.2 del Contratto nazionale di lavoro giornalistico. Accogliendo il ricorso presentato dall'Assostampa di Puglia, assistita dall'avvocato Ettore Sbarra, il giudice Angela Arbore (in collaborazione con Nicola Morgese) ha annullato i licenziamenti e ha ordinato l'immediata reintegrazione dei colleghi nei rispettivi posti di lavoro. «Si tratta - affermano in una nota il segretario generale della Fnsi, Franco Siddi, e il presidente dell'Assostampa di Puglia, Raffaele Lorusso - di una decisione storica che rende giustizia ai colleghi licenziati e ribadisce che nessuna procedura di licenziamento o di riduzione del personale può essere adottata unilateralmente, neppure in periodi di crisi». «L'auspicio è che l'editore della Gazzetta del Mezzogiorno - è detto nella nota - abbandoni una volta per tutte la via muscolare e la tentazione di estromettere il sindacato, riprendendo corrette relazioni industriali». «L'associazione della Stampa di Puglia - è detto in conclusione - non si è mai sottratta al confronto con nessuna azienda editoriale, a patto che sia sempre garantito il rispetto delle leggi e delle regole della contrattazione». (ANSA)
 
27/05/2009 06:25
 
NOTIZIE CORRELATE
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.