Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Crisi nera e conti in rosso: i colori del Foglio di Ferrara
Anche i dati di bilancio del Foglio di Giuliano Ferrara confermano che il 2008 è stato un anno da dimenticare per l’editoria italiana. I conti del quotidiano diretto dall’elefantino sono infatti in rosso per quasi un milione di euro. Ma dare la colpa unicamente alla crisi è forse troppo facile. I problemi sono infatti di carattere strutturale: il Foglio vende sempre meno copie. E se nel 2006 le vendite si attestavano alla non fantasmagorica cifra di 24mila copie, nel 2008 siamo addirittura scesi sotto le 20mila. Segno che qualcosa non va nel rapporto tra Ferrara e i suoi lettori o che il tanto lodato “piccolo è bello” non è poi così vero. Il problema in realtà è molto serio. Il Foglio è un quotidiano di approfondimento politico tra i più rispettati, punto di riferimento autorevole per l’elite di centrodestra, ma non solo. Fucina di idee, proposte e provocazioni, nonché cane da guardia dell’attuale maggioranza. Letto anche da sinistra e terreno di confronto privilegiato, anche quando tra PD e PDL non corre buon sangue (sempre più spesso). Al Foglio lavorano 22 giornalisti e con esso collaborano decine e decine di professionisti esterni; è una delle migliori palestre per i nostri politici e un’arena decisiva per qualsiasi proposta politica che voglia ottenere l’interesse dell’opinione pubblica. Il Foglio insomma, fa notizia, come si diceva una volta. Ma a guardare i suoi conti bisognerebbe concludere che si tratta di una voce autorevole che vive in un mondo estremamente chiuso ed autoreferenziale: quello del professionismo politico; un modo fatto di individui che forse nemmeno acquistano il giornale, ma si limitano a leggerlo in rassegna stampa. Come tutelare allora questa importante riserva del giornalismo italiano, rispettando le regole del mercato? Il modello di business vincente a quanto pare non è ancora stato trovato. Ultimamente al Foglio hanno provato a rilanciare offerte relative agli abbonamenti online, e i conti del 2009 ci diranno se la cosa avrà ottenuto il successo auspicato. La sensazione però è che si sia ancora ben lontani dall’obiettivo e che probabilmente nei prossimi mesi Giuliano Ferrara dovrà occuparsi un po’ meno di politica e un po’ più di business administration. (Davide Agazzi per NL)
21/07/2009 16:12
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
Dal 1° febbraio 2016 Manzoni, concessionaria del gruppo Espresso, si occupa ufficialmente della raccolta pubblicitaria de Il Foglio, quotidiano fondato il 30 gennaio 1996 da Giuliano Ferrara che ad oggi, come riporta la recente nota stampa, diffonde in media 25 mila copie di cui 12 mila in abbonamento digitale.
“Da azionista ho le preoccupazioni di tutti, abbiamo visto la situazione del Corriere… Ma Mondadori non ha i debiti di Rcs e non deve vendere periodici come ha fatto il Corriere, ma è un momento di crisi preoccupante”.
I tablet pc come l’iPad si stanno dimostrando lo strumento giusto al momento giusto per il mondo dell’editoria ed è “sicuramente la strada da percorrere per la stampa quotidiana e periodica”.