Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Francia: nel 2008 lettori dei quotidiani + 2,3%
(Franco Abruzzo.it) - Nel 2008 la stampa quotidiana francese ha conquistato globalmente oltre un milione e mezzo di lettori (+2,3%) ma alcuni dei principali quotidiani, come ‘Le Monde’, ‘Liberation’ o ‘Les Echos’ hanno invece perso terreno. La stampa periodica ha ugualmente perso lettori (-3,6%), soprattutto mensili e bimestrali, meno i settimanali anche se ‘Le Nouvel Observateur’ ha registrato un -8,7%. Secondo i dati pubblicati dall’Epic (studio della stampa di informazione quotidiana), nel periodo tra luglio 2007 e giugno 2008 sono stati 24,3 milioni i francesi che hanno letto almeno un quotidiano al giorno, cioé quasi la metà degli over 15 anni, e il 2,3%% in più rispetto all’anno prima. Il quotidiano che ha registrato il maggior aumento è il cattolico ‘La Croix’ con un +16,7%, seguito da ‘France Soir’ (+2,3), ‘l’Equipé (+1,6%), ‘Le Figaro’ (+1,5%), ‘La Tribune’ (+0,9%) ‘L’Humanite” (+0,6%), ‘Le Parisien(+0,4%). ‘Le Mondéha invece perso l’8,8% dei lettori, ‘Liberation’ il 2,4% e ‘Les Echos’ lo 0,2%. Tra i quotidiani la testata con più lettori resta ‘L’equipé con 2,6 milioni, seguita dal ‘Le Parisien’ con 2,3 milioni, e ‘Le Monde’ con 1,9 milioni e Le Figaro con 1,3 milioni. Complessivamente, 8,8 milioni lettori per i nazionali, 17,7 milioni i regionali, 4,4 milioni i gratuiti. (ANSA)
 
 
17/03/2009 07:36
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".