Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, GB: The London Evening Standard respinge le teorie di Murdoch e si rilancia in versione free
Pagare o non pagare per avere notizie di qualità? L’amletico dubbio coinvolge ormai tutti gli editori. Piccoli o grandi giornali sentono di dover rapidamente trovare una soluzione per quadrare i conti, per rinsaldare la propria posizione, possibilmente senza perdere i lettori guadagnati in decenni (almeno) di esperienza.
Ma in Gran Bretagna qualcuno tenta di controbattere le recenti teorie di Rupert Murdoch sul futuro dell’editoria mondiale, secondo cui le news (quelle online in particolare) dovranno diventare e rimanere a pagamento. Secondo quando riportato dall’edizione online del The Independent, Alexander Lebedev, l’oligarca russo che detiene il 75% del London Evening Standard, avrebbe deciso di tentare una strategia piuttosto pericolosa, ma quanto mai necessaria: il quotidiano sarà, d’ora in poi, distribuito come fosse free-press, nella speranza di aumentare la distribuzione e, parallelamente, trovare più investitori per la pubblicità. Tecnicamente non c’è motivo di pensare che la tattica sia sbagliata. Il lettore, non dovendo pagare, prenderebbe il quotidiano anche solo per inerzia, così favorendo una maggiore circolazione del giornale. Senza contare che The London Evening Standard è un quotidiano cartaceo a tutti gli effetti e, quindi, completo in tutte le sue parti. Nulla a che vedere con la tradizionale free-press che sembra in declino in tutto il Regno Unito (compreso il quotidiano gratuito London Lite, di proprietà dell’Associated Press, anch’esso di fronte ad un bivio). Ma come ricorda il giornalista del The Independent, esiste un sottile equilibrio anche tra il volume di stampa distribuita e la qualità che caratterizza la stessa. Ragion per cui la strategia di Lebedev, pur rimanendo la più curiosa tra le tante auspicate in questo periodo nero, sarà senza dubbio la più rischiosa. (Marco Menoncello per NL)
 
18/10/2009 19:29
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.