Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, Germania: Financial Times Deutschland prossimo alla chiusura. A rischio 300 posti di lavoro
«Il Financial Times Deutschland è prossimo alla chiusura». È quanto ha reso noto il sito dello stesso autorevole quotidiano economico tedesco oggi pomeriggio, confermando le voci in proposito con un articolo che riporta alcuni dei molti messaggi di solidarietà giunti in redazione.
La testata, fondata 12 anni fa e da allora sempre in perdita, vende oggi oltre 100mila copie, molte delle quali però a prezzo ridotto, in accordo con alcune imprese, tra cui diverse compagnie aeree. Il sindacato dei giornalisti tedeschi Djv ha chiesto all'editore la massima tutela per gli oltre 330 dipendenti della divisione economica, di cui il Ftd fa parte. Nel pomeriggio si è riunito il consiglio di vigilanza dell'editore Gruner + Jahr, proprietario della testata e di altre due pubblicazioni economiche che, secondo indiscrezioni, subiranno la stessa sorte del Ftd. Alla fine della riunione non sono state però rese note decisioni sul futuro delle pubblicazioni a rischio. (ANSA).
 
21/11/2012 16:58
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Il settore dei media ha registrato nel quinquennio 2011 – 2015 forti contrazioni dei ricavi, con una perdita pari al 30% per l’editoria quotidiana e periodica e di oltre il 20% relativamente al settore delle telecomunicazioni.
Forte critica di Roger Köppel, proprietario del settimanale svizzero “Die Weltwoche”, rivolta al settimanale “Der Spiegel”, accusato di aver cercato di influenzare l’opinione pubblica a favore di Hillary Clinton nella corsa alla casa bianca.
Climax dai connotati critici per l’editoria: secondo i dati riportati dallo studio R&S di Mediobanca, nel 2015 il settore è all'opposto delle costruzioni per quanto concerne i margini.
Alcune indiscrezioni di stampa suggeriscono che sia sul viale del tramonto l’avventura dio Watchever, servizio SVOD tedesco gestito da Vivendi, probabilmente a causa di pessimi risultati competitivi.