Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Il fatturato pubblicitario del mezzo stampa in generale ha registrato un calo del 24% nel bimestre luglio-agosto
Lo rileva l'Osservatorio Stampa della FCP (Federazione Concessionarie Pubblicità). Questo dato è la conseguenza di andamenti diversi all'interno dei mezzi stampa rilevati.
I "quotidiani" in generale hanno registrato una diminuzione di fatturato del -20% ed una diminuzione degli spazi del -5%. La tipologia "commerciale nazionale" ha registrato un - 24% a fatturato ed un +5% a spazio, mentre quella "di servizio" ha visto un -23% a fatturato e un -4% a spazio. La tipologia "rubricata" ha segnato un calo del -9% a fatturato e del -14% a spazio, a fronte dela pubblicità "commerciale locale" che ha ottenuto un -16% a fatturato ed un -7% a spazio. I "quotidiani a pagamento" hanno registrato un andamento simile a quello dei quotidiani in generale, quando quelli "Free Press" hanno segnato andamenti in calo a fatturato (- 28%) e a spazio (-20%). Diminuisce del -28% il fatturato della "commerciale nazionale" e del -27% quello della "locale", mentre gli spazi registrano un andamento rispettivamente del (-22%) e del (-18%). I "periodici" in generale hanno registrato un fatturato in diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2008 (- 30%) ed un calo degli spazi (- 22%) e i "settimanali" hanno ottenuto delle variazioni negative sia a fatturato (- 29%) sia a spazio (- 18%). Per i "mensili" si registra una diminuzione di fatturato del -32% e un calo degli spazi - 27% e le "altre periodicità" hanno riportato una flessione sia del fatturato (-17%) che dello spazio (- 22%). 
 
12/10/2009 21:17
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.