Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Il New York Times è in ginocchio
Le ha provate proprio tutte Arthur Sulzberger Jr., l'editore un po' goffo ed erede da varie generazioni del New York Times. Ma presso la sede del giornale più popolare d’America è arrivato il tempo dei tagli. Negli ultimi nove mesi si è assistito al fallimento di molti gruppi editoriali americani tra cui quello del Tribune (editore di testate storiche come il Chicago Tribune, il Los Angeles Times, il Baltimore Sun, l'Orlando e il Sun Sentinel), che nello scorso dicembre, dopo 161 anni di successi, ha chiesto l'accesso alle procedure di bancarotta a fronte di debiti per 13 miliardi di dollari (circa 10 miliardi di euro). La crisi che ha colpito il settore della carta stampata non è solo conseguenza di quella economica generale, ma un vero e proprio crollo del settore che da anni deve “sopportare” il concorrente più temibile: il web. Eppure l'editore del New York Times ha tirato dritto per la sua strada, prendendo decisioni piuttosto sconcertanti per affrontare il crollo della raccolta pubblicitaria (-21,2% nel solo mese di novembre 2008). In effetti, invece di diversificare gli investimenti come hanno fatto altri editori, la prima decisione di Arthur Sulzberger è stata quella di chiedere un prestito al miliardario messicano, Carlos Slim, il re delle telecomunicazioni - che già possiede il 6,9% del gruppo - per una cifra che si aggira sui 250 milioni di dollari, con cui avrebbe fatto fronte a un debito di 400 milioni in scadenza a maggio di quest'anno. Il finanziamento di Mr. Slim non è stato però sufficiente, pertanto il New York Times avrebbe annunciato la vendita del grattacielo realizzato da Renzo Piano nel 2007 sull'Ottava Avenue (NY), costato ben mezzo miliardo di dollari. Arriveranno poi anche il taglio degli stipendi, nonché l'ipotesi di vendita del Boston Globe (appena acquistato ad un prezzo esorbitante). Ma saranno il crollo in borsa del titolo (da 45 dollari di qualche anno fa a neanche 4 dollari del mese scorso) e l'azzeramento dei dividendi per i componenti della famiglia, resosi necessario qualche settimana fa, a rendere ormai chiaro a tutti, Arthur Jr compreso, che l'unica strada per salvare il giornale è rinnovarlo con nuovi modelli di business. Diverse sono le soluzioni alle quali l'editore dovrà pensare attentamente: puntare su Internet, telefonini e su ciò che le tecnologie moderne hanno reso possibile per la divulgazione dell'informazione in tutto il mondo, oppure “trasformarsi” in Fondazione con il sostegno di privati o cercare di ottenere il sostegno pubblico. Unica vera preoccupazione per l'editore è l’avversario Rupert Murdoch, che da sempre mostra interesse per il New York Times. Ma la proprietà familiare del giornale ne ha sempre difeso l'autonomia e difficilmente si lascerà tentare dalle offerte del magnate australiano. (G.M. per NL)
29/04/2009 14:32
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
Il presidente Ferro non intende vendere, anzi fa sapere che i suoi avvocati stanno lavorando a un’offerta per comprare. Il gruppo editoriale Gannett di USA Today ha lanciato un’opa sulla news company Tribune Publishing, il cui management pare non avere intenzione di cedere.
I lettori del New York Times spendono la stessa quantità di tempo su articoli veri e sulle storie sponsorizzate dagli inserzionisti. La rivelazione é stata fatta da Meredith Levin, vice direttore della pubblicità al Times intervenuta ad un evento della American Association of Advertising Agencies.
Due donne simbolo del giornalismo hanno rassegnato le loro dimissioni. Una è la direttrice del The New York Times Jill Abramson, l’altra quella di Le Monde, Nathalie Nougayrède: la prima ha lasciato per ragioni ancora ignote, la seconda dopo un lungo scontro con la sua redazione.