Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Informazione in rialzo: Corriere della Sera + 7,8% e Libero + 5,6%
Il Corriere della Sera e Libero salutano febbraio 2011 con un soddisfacente aumento delle vendite. Il mese scorso è stato assai proficuo per i due quotidiani, che hanno saputo saziare a pieno la fame di informazione.
Di certo molta era la carne al fuoco: dalla cronaca delle gemelline scomparse e l’omicidio di Yara, alla politica estera con la rivolta nel Maghreb. Il tutto, condito dalle questioni che alimentano la curiosità del lettore, come il caso Ruby e la discesa delle donne italiane in piazza, ha creato ricchezza informativa. È qui che nasce la vis del Corriere di Ferruccio de Bortoli che, raggiunte 493,2 mila copie, è pronto a crescere ancora nei prossimi mesi. Infatti, gli obiettivi futuri sono: il rafforzamento di Sette su tempo libero e weekend a metà aprile, l’uscita mensile di Sette Green e la nascita di un canale web omonimo. La crescita del quotidiano di via Solferino non si limita al breve termine, ma allunga lo sguardo promettendo il restyling dell’inserto culturale, i progetti di Brescia e Bergamo e la rivisitazione della grafica. Le carte vincenti di Libero, invece, risultano essere l’attualità e sicuramente il ritorno - seppur come battitore libero - di Vittorio Feltri. Le 106 mila copie odierne però non accontentano Maurizio Belpietro, che mira a raggiungere in modo stabile quota 110 mila. Nonostante la condivisione della medesima prosperità di notizie, la crescita non ha “baciato” tutti. Dalle dichiarazioni delle singole case editrici alla Federazione italiana editori (Fieg) si delinea un panorama frammentato: +1,6% per il Sole 24 ore, +1,5% e +1,1% rispettivamente per la Repubblica e il Giornale che consolidano le vendite. Per quanto riguarda le testate Avvenire, Messaggero e Gazzetta dello Sport, queste non presentano oscillazioni di sorta, mentre la Stampa di Torino subisce un calo dell’1,9%. (cfr Italia Oggi, 22/03/2011, p. 16). (C.S. per NL)
25/03/2011 18:36
 
NOTIZIE CORRELATE
Il management di RCS MediaGroup ha sottoposto all’attenzione dell’assemblea dei soci (riunitasi la settimana scorsa per l’approvazione del bilancio 2015) un bouquet di dati che evidenziano nel primo trimestre di quest’anno andamenti migliori di quelli previsti all’avvio del piano industriale.
Dal 27 gennaio il Corriere della Sera introdurrà il metered paywall per il proprio portale online seguendo l’esempio di altre blasonate testate estere. Prevista inoltre una riorganizzazione interna delle redazioni e del cammino seguito dalle notizie.
Con il nuovo piano industriale 2016-2018, il gruppo editoriale italiano ha espresso la volontà di assicurarsi la sostenibilità economica e finanziaria puntando in primis a una forte riduzione dei costi: questo è proprio il primo punto che, secondo le stime, dovrebbe riportare il gruppo in utile, seppur di poco, già nel 2016.
Il CdA di RCS MediaGroup ha esaminato e approvato i risultati al 31 marzo 2015. Nei primi mesi del 2015 si evidenziano modesti segnali positivi sull’economia italiana, anche se le prospettive sono ancora caratterizzate da incertezza, mentre in Spagna continua il trend positivo già evidenziatosi durante il 2014.
Luciano Fontana, attuale condirettore del Corriere della Sera, sarebbe allo stato il favorito per succedere a Ferruccio De Bortoli, il direttore uscente del quotidiano di via Solferino, che lascerà l'incarico a fine mese.