Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. La Padania in crisi se la piglia con Monti
Partiti sull’orlo di una crisi di nervi, fogli di partito sull’orlo di una crisi di bilancio. Mentre la Lega naviga solitaria nelle acque dell’opposizione parlamentare, infatti, è in preda a spaccature interne – la fronda Maroni – e di coalizione – addio politico al Pdl -, il suo giornale si barcamena tra conti sempre più in rosso e redazione sul piede di guerra.
La Padania tira 60mila copie, molte delle quali restano puntualmente invendute, ha un formato antidiluviano e un sito web senza alcun contenuto originale. Si limita a titoloni a effetto che neanche le sparate di Bossi e non fa che lamentarsi di tutto e tutti (ex alleati e vecchi e nuovi avversari) e assume toni simili alle pantomime che si ascoltano su Radio Padania. Obiettivo ultimo, come ovvio, il governo Monti (che la Lega non appoggia) e i suoi presunti ritardi. “Monti ci sei o ci fai?” titolava ieri il giornale, accusando il neo premier di tergiversare e non varare le annunciate misure anticrisi. Fatto sta che La Padania, a fronte di 4 milioni di finanziamenti annui ricevuti dallo stato in quanto foglio di partito, perde un milione netto ogni dodici mesi, alcuni giornalisti sono in cassa integrazione da quattro anni e le prospettive non promettono nulla di buono: incentivi all'esodo, cassa integrazione a rotazione per il resto della redazione e contratti di solidarietà sono le misure che saranno varate per tagliare i costi. L’unica mano potrebbe darla la Lega, dal momento che l’editore Editoriale Nord è una cooperativa controllata da esponenti del Carroccio: il capogruppo al Senato Federico Bricolo e quello alla Camera Marco Reguzzoni (il saggista che ha scritto il libro sulla storia della Lega senza praticamente citare Maroni, reo di soffiare in direzione opposta agli altri senatori, e che propone il Trota come erede al trono del padre), solo per citarne alcuni. I giornalisti, intanto, sono in sciopero delle firme, mentre dalle prime pagine si continua a bastonare Monti e il nuovo governo. Ma senza firmarsi. (G.C. per NL)
29/11/2011 08:43
 
NOTIZIE CORRELATE
RTL Rock, questo potrebbe essere il destino della concessione nazionale comunitaria ceduta da Radio Padania ad una associazione no profit che fa riferimento al gruppo editoriale guidato da Lorenzo Suraci, patron di RTL 102.5 e di Zeta L'Italiana. O forse no.
E' affidata a una decina di persone, che si incontrano 'de visu' solo "quattro o al massimo cinque volte l'anno", tutta la comunicazione della Lega Nord.
Sedici anni di attività ininterrotta su carrier non di poco conto non sono riusciti a farla uscire dal sostanziale anominato televisivo.
Torna on-air, anzi, on-line, Radio Varese, "la radio delle tre scimmie" (che, in contrasto con la classica immagine, "vedono", "sentono" e "parlano") sul cui asset nacque nel 1990, a ridosso della legge Mammì, l'attuale Radio Padania.