Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria: La Stampa, Mario Calabresi: “La sfida è decifrare la complessità offrendo chiavi di lettura”
"La Stampa continuerà ad essere un giornale con le sue radici in Piemonte, in Liguria e in Valle d'Aosta, ma che non rinuncia a parlare al resto dell'Italia e a raccontare cosa accadrà a Napoli e a New York, a Parigi e a Pechino". Mario Calabresi, nuovo direttore de La Stampa, saluta così i lettori, oggi, nel suo primo editoriale sul quotidiano torinese. "La sfida per i giornali è oggi quella di riuscire – secondo Calabresi - a decifrare la complessità offrendo chiavi di lettura. E' di essere credibili, corretti e curiosi". "Il segreto di questo giornale è di non essersi mai chiuso nel suo territorio ma di aver raccolto gli stimoli migliori che venivano da tutto il Paese e dall'altra parte delle Alpi" continua il direttore che rivolge un particolare ringraziamento all'ex direttore Giulio Anselmi, diventato presidente dell'ANSA."Adesso per me - scrive Calabresi - comincia un'avventura nuova come direttore di questo giornale, e ho un doppio debito di gratitudine verso Giulio Anselmi, non solo per avermi lasciato un giornale bello e autorevole, ma anche per aver creduto in me quando mi assunse all'ANSA diventando il mio primo direttore". Poi ricorda Indro Montanelli, "il direttore che non ho mai avuto. Quando vent'anni fa mi chiese se volevo fare il praticante, non avevo l'età e stavo iscrivendomi all'università, però poi mi regalò una passeggiata nei giardini di Porta Venezia, a Milano. Di quella camminata mi piace ricordare la sola cosa che secondo lui avrei dovuto stamparmi in testa: 'i giornalisti sono al servizio dei giornali e i giornali dei lettori'. Chi pensa il contrario farebbe bene a cambiare mestieré". Calabresi spiega anche che "nella crisi globale della carta stampata, davanti alla necessità di ripensare i modelli tradizionali di giornalismo, Torino, casa di questo giornale, può esserci d'esempio" perché dopo la fine della "città fabbrica" ha trovato la forza per "rinascere diversa". (ANSA)
30/04/2009 18:39
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.
Approvata la nuova riforma pensionistica per l’Inpgi, ma non cessano le voci di protesta e i timori sul futuro dell’Istituto. La riforma, che ha ricevuto il placet di Ministero del Lavoro e Ministero dell’Economia, si è resa necessaria perché i conti in rosso dell’ente ne facevano presagire, nel giro di pochi anni, la chiusura o l’assorbimento nella cassa Inps.