Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria: The Independent dal 26 marzo solo digitale

Il quotidiano britannico The Independent (nato nel 1986 ed oggi di proprietà del gruppo Esi Media, controllato dagli uomini d’affari russi Aleksandr e Ievgheni Lebedev) ha annunciato che l’ultimo giorno in cui arriverà nelle edicole sarà il 26 marzo.
Da allora, e dopo 29 anni di pubblicazioni, rimarrà soltanto l’edizione online, diventando così la prima testata nazionale a spostarsi verso un futuro solo digitale. "L’industria editoriale sta cambiando – ha detto Ievgheni Lebedev – sono gli stessi lettori a mostrarci che il futuro è digitale. Questa decisione tutela la testata dell’Independent e ci permette di continuare ad investire nei contenuti editoriali di alta qualità che stanno attraendo sempre più lettori sulle nostre piattaforme online”. (R.R. per NL)

13/02/2016 09:55
 
NOTIZIE CORRELATE
Il mercato pubblicitario del Regno Unito non ha subìto contraccolpi dall’effetto Brexit. Nel terzo trimestre del 2016, cioè nel periodo post-referendum, gli investimenti nell’advertising sono cresciuti del 4,3% (rispetto ai tre mesi precedenti) e per il 2017 è previsto un aumento attorno al 3,2%.
La WPP, colosso nel campo pubblicitario, ha concluso il terzo trimestre dell’anno con una crescita del fatturato del 23,4% (per circa 4 miliardi di euro) in linea con i primi sei mesi del 2016.
Gli inserzionisti pubblicitari inglesi chiedono alle agenzie di conoscere gli effetti dei propri investimenti attraverso l’inserimento di un ulteriore soggetto esterno alla filiera; per le agenzie negativi gli interventi di terzi.
Il nuovo piano di spesa comporterà tagli, entro il 2022, di oltre 100 milioni di euro. Il governo interviene a supporto della redazione internazionale. Previsto per fine marzo un riassetto editoriale.
La Bbc annuncia all’orizzonte ulteriori tagli che rischiano di tradursi in almeno 30 mila nuovi licenziamenti all’interno dell’industria televisiva inglese.