Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, USA: bollettino della crisi. Ora in bilico anche il Chicago Sun-Times
Anche il Chicago Sun-Times sarebbe sull'orlo del fallimento. La casa editrice, che controlla 59 quotidiani, sarebbe la terza a fallire dopo l'Inquirer e il Daily News. Le notizie che arrivano dagli Stati Uniti sono sempre più drammatiche. Più che di un bollettino della crisi dovremmo parlare di un vero e proprio bollettino di guerra. Almeno per quel che riguarda il comparto editoria. I primi tre mesi dell'amministrazione Obama non sembrano aver in alcun modo invertito la tendenza di un mercato che dall'anno scorso sembra proprio non tirare più. Causa principale: il significativo calo delle inserzioni pubblicitarie. E probabilmente i costi eccessivi accumulatisi negli anni passati, quando l'economia comunque girava ed i bilanci erano sempre in attivo, per cui nessuno si preoccupava di dare la caccia agli sprechi o di analizzare i costi reali dell'attività editoriale. Adesso invece è tutto cambiato. E si fa la corsa a tagliare e razionalizzare; solo che non tutti ci riescono e quindi sono in molti a portare i libri in tribunale e dichiarare bancarotta. L'ultimo gruppo in ordine di tempo a dichiararsi insolvente è il Sun-Times Media Group, che edita, assieme altre 58 pubblicazioni, il Chicago Sun-Times. La città di Obama viene dunque colpita nel vivo. Ed è la terza città a vedere scomparire un prestigioso quotidiano locale, dopo Minneapolis (che ha perso il Minneapolis Star Tribune) e Philadelphia (che ha perso sia l'Inquirer che il Daily News). Quante altre testate dovranno sparire prima che il Governo si ponga il problema di salvaguardare un settore economico così importante? (Davide Agazzi per NL)
06/04/2009 12:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
La notizia è rilevante non solo per l'entità economica dell'operazione, ma anche per il segnale che essa manda al settore delle tlc e dei content provider radio e tv.
Nella giornata di venerdì il web è andato in tilt a causa di un attacco informatico di alcuni hacker, per ora non identificati, partito da diversi dispositivi smart infettati e diretto ai server della Dyn, una delle più grosse compagnie americane che si occupa di gestire una grossa fetta dei DNS della rete statunitense.