Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria USA: introiti pubblicitari calano del 16,6 per cento
(Franco Abruzzo.it) - Il 2008 e’ stato un anno nero per l’editoria statunitense, con un calo degli introiti pubblicitari - scesi a 37,8 miliardi di dollari - pari al 16,6%. Sono le stime della Newspaper Association of America. Nei dettagli il calo dei ricavi derivanti dalla pubblicita’ e’ calato del 17,7% a 34,7 miliardi per la carta stampata e dell’1,8% a 3,1 miliardi per internet, una netta frenata rispetto all’incremento del 18,8% registrato dal settore nel 2007. La crisi attraversata dalla stampa statunitense negli ultimi tempi ha assunto i connotati di un bollettino di guerra, con la chiusura di numerose testate storiche e piani di ristrutturazione durissimi. Oggi ha terminato le pubblicazioni dopo un secolo il Christian Science Monitor, mentre nei giorni scorsi avevano chiuso i battenti il Rocky Mountain News di Denver e il Seattle Post-Intelligencer. (AGI/AFP)
29/03/2009 19:52
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
“Da azionista ho le preoccupazioni di tutti, abbiamo visto la situazione del Corriere… Ma Mondadori non ha i debiti di Rcs e non deve vendere periodici come ha fatto il Corriere, ma è un momento di crisi preoccupante”.
I tablet pc come l’iPad si stanno dimostrando lo strumento giusto al momento giusto per il mondo dell’editoria ed è “sicuramente la strada da percorrere per la stampa quotidiana e periodica”.
Viene confermata dai dati Nielsen relativi al periodo gennaio – maggio 2010 la ripresa dell’advertising su tv, radio, internet, direct mail e affissioni, mentre rimane in calo sulla stampa quotidiana e periodica.