Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, USA: le mani sull’Independent
Alexander Lebedev ci crede. Nell’editoria inglese. O quantomeno nel ruolo di potere che si garantisce comprandosi alcuni pezzi storici della stampa britannica. L’editore della Novaya Gazeta aveva già acquisito i tre quarti dell’Evening Standard, giornale tradizionalmente vicino ai conservatori. E adesso si è messo in testa di strizzare l’occhio ai laburisti, comprandosi pure l’Independent. Perché i soldi si sa, non hanno un colore politico. Si verrebbe così a formare un gruppo con una tiratura da 480mila copie. Un piccolo impero. Lebedev è anche fortunato: i due giornali hanno la redazione nello stesso edificio; sicché potrebbe essere più facile pensare ad un piano di riduzione dei costi e ad un taglio del personale. Come? Accorpando alcune redazioni (per esempio sport, cultura o moda), nonché centralizzando alcuni servizi amministrativi. Si tratterebbe di un’operazione del valore di quasi 20 milioni di euro; non certo bruscolini, ma quasi, per magnati come Ledebev. Un personaggio che potrebbe sembrare sempre più simile a quell’Abramovich che per trasferire Kaka al Chelsea ha speso oltre 60 milioni. Tutto bene, dunque? Non proprio, considerando i precedenti di Ledebev. Infatti, non bisogna dimenticare che, dopo l’acquisizione dell’Evening Standard, aveva promesso investimenti da capogiro, salvo poi tirarsi indietro con la scusa (per qualcuno lo è stata) della crisi. Ora sono in molti a domandarsi se l’Independent non riceverà lo stesso trattamento. E senza autonomia finanziaria, addio “indipendenza”. (Davide Agazzi per NL)
 
17/06/2009 07:13
 
NOTIZIE CORRELATE
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
La notizia è rilevante non solo per l'entità economica dell'operazione, ma anche per il segnale che essa manda al settore delle tlc e dei content provider radio e tv.
Nella giornata di venerdì il web è andato in tilt a causa di un attacco informatico di alcuni hacker, per ora non identificati, partito da diversi dispositivi smart infettati e diretto ai server della Dyn, una delle più grosse compagnie americane che si occupa di gestire una grossa fetta dei DNS della rete statunitense.
Gli Stati Uniti voteranno oggi una proposta mirata a fornire agli operatori tlc delle nuove frequenze per lo sviluppo delle reti di quinta generazione; in Europa, invece, sembra interminabile il circo dei botta e risposta che continua solo a far perdere tempo.
Il presidente Ferro non intende vendere, anzi fa sapere che i suoi avvocati stanno lavorando a un’offerta per comprare. Il gruppo editoriale Gannett di USA Today ha lanciato un’opa sulla news company Tribune Publishing, il cui management pare non avere intenzione di cedere.