Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, USA. New York Times riduce impaginazione
(ANSA) - Nel tentativo di risparmiare milioni di dollari all'anno in costi di stampa il New York Times ha deciso tagli all'impaginazione e la riduzione di varie sezioni del giornale i cui contenuti saranno riassorbiti altrove. Lo ha annunciato il direttore Bill Keller. Le sezioni eliminate a partire da maggio includono 'Escapes', che si occupa di turismo ed esce il venerdì, la sezione domenicale 'City', destinata ai lettori dell'area metropolitana di New York e le sezioni regionali destinate a New Jersey, Connecticut e alla contea di Westchester. Tagli anche al magazine illustrato della domenica: a partire dal 10 maggio sparirà il servizio di moda, trasferito nel supplemento 'T' che esce sporadicamente ma continua a raccogliere pubblicità. Il New York Times ha deciso di fare marcia indietro sul vasto indice del quotidiano nazionale che da qualche mese a questa parte occupava tre pagine: tornerà ad essere condensato in una pagina unica. Il consolidamento delle pagine non provocherà tagli in redazione ha assicurato Keller osservando che le sezioni tagliate dipendevano in gran parte dal contributo di freelance.
 
17/04/2009 14:48
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
I lettori del New York Times spendono la stessa quantità di tempo su articoli veri e sulle storie sponsorizzate dagli inserzionisti. La rivelazione é stata fatta da Meredith Levin, vice direttore della pubblicità al Times intervenuta ad un evento della American Association of Advertising Agencies.
Due donne simbolo del giornalismo hanno rassegnato le loro dimissioni. Una è la direttrice del The New York Times Jill Abramson, l’altra quella di Le Monde, Nathalie Nougayrède: la prima ha lasciato per ragioni ancora ignote, la seconda dopo un lungo scontro con la sua redazione.
Importante segno di fiducia nella stampa tradizionale: il miliardario messicano Carlos Slim, secondo uomo più ricco del mondo, con una fortuna di oltre 67 miliardi di dollari, torna a investire nel New York Times.