Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria, USA: Obama pronto a salvare giornali in crisi. Perché non si può vivere di soli blog
Fare il paragone con l’Italia è troppo difficile. Soprattutto in questo periodo in cui i rapporti tra editoria e politica sono tesi come non mai. Gli Stati Uniti sembrano infatti appartenere ad un altro pianeta, almeno se visti dal nostro Paese.
Mentre il nostro Presidente del Consiglio querela La Repubblica e L’Unità, inducendo la FNSI a indire una manifestazione per la libertà di stampa e l’OCSE a chiedere a Berlusconi di ritirare le denunce, Obama prende in mano il dossier “crisi editoriale”. E si dichiara orientato a prendere in considerazione, per la prima volta, forme di aiuto pubblico che evitino il collasso della stampa Usa. Le misure attualmente in esame sono piuttosto semplici, ma politicamente molto rilevanti, soprattutto per un contesto come quello statunitense, in cui il mercato era, sino a ieri, un dogma. Potranno dunque accedere agli aiuti di stato i giornali, le cui società editoriali dovessero accettare di trasformarsi in fondazioni no profit. Gli editori privati in difficoltà dovranno quindi alzare una simbolica bandiera bianca, se vorranno usufruire di aiuti finanziari statali. Il messaggio è chiaro: il giornalismo è un valore, per cui è necessario salvaguardare i posti di lavoro. Ma la gestione privata delle società editoriali non sempre si è rivelata efficiente. Per cui, se le testate volessero dei soldi pubblici, sarà il caso che siano disponibili a cambiare un po’ di cose. Vedremo quante realtà saranno disposte a sottostare a queste condizioni e ad accettare, per esempio, di non poter sostenere più questo o quel politico locale per inseguire investimenti pubblicitari. Ma perché Obama si sarebbe dichiarato disponibile a prendere in considerazione questo tipo di misure? La motivazione fornita è quanto mai interessante. A parte le considerazioni di carattere prettamente economico e legate alla salvaguardia dei posti di lavoro, Obama ha sostanzialmente dichiarato che “non si può vivere di soli blog”. Queste le sue parole: “Sono preoccupato che la direzione dei news media sia solo la blogosfera, tutta opinione e niente controllo sui fatti, nessun serio tentativo di mettere le storie nel loro contesto. Così si finisce per gridare uno contro l'altro nel vuoto e senza seri tentativi di venirsi incontro reciprocamente”. Il buon giornalismo ha dunque bisogno di redazioni e di gente che se ne occupi a tempo pieno. E per essere la linfa vitale di una democrazia che si rispetti, c’è bisogno che sia un’attività professionale e indipendente. Sarà d’accordo Berlusconi? (Davide Agazzi per NL)
22/09/2009 17:07
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".