Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria USA: Playboy messo in vendita per 300 mln di dollari
Invece di comprare 'Playboy', gli americani cliccano sui siti porno. Risultato? Il mensile che ha codificato l'immaginario erotico del dopoguerra perde copie, perde pubblicità, perde soldi. E ora, secondo quanto riferito da la Repubblica, è stato messo in vendita per 300 milioni di dollari. «Non possiamo permettere che l'emorragia continui a lungo», si è giustificato Jerome Kern, che ha preso il posto di Christie, la figlia di primo letto di Hugh Hefner, il fondatore della rivista. Tra il 2002 e il 2008 Playboy è stato abbandonato da 600mila lettori e, pur essendo la rivista maschile più venduta negli Stati Uniti (2,5 milioni d copie nell'ultimo semestre dell'anno scorso), il declino appare per il momento inarrestabile. A dispetto di misure energiche per tagliare i costi, chiudendo la sede di New York e riducendo di un quarto il numero dei dipendenti, il gruppo - che è quotato a Wall Street - ha avuto una perdita di 13,7 milioni di dollari nel primo trimestre del 2009. «La rivista non chiuderà mai i battenti fino a quando Hugh Hefner sarà in vita», ha però garantito Samir Husni, capo del dipartimento di Giornalismo dell'università del Mississipi, ricordando che Hef, come viene chiamato il fondatore della rivista, possiede ancora il 70% del capitale. Nel frattempo alcuni gruppi di 'private equity' come l'Apollo capital partners, hanno avviato dei negoziati preliminari. Il 'Daily News' ha anche ipotizzato un acquirente famoso: il britannico sir Richard Branson, fondatore dell'impero Virgin. Ma il vero ostacolo per la compravendita è rappresentato dal costo perché i 300 milioni di dollari richiesti appaiono troppi rispetto ai 100 milioni di capitalizzazione di borsa e alle prospettive di mercato. (Adnkronos)
 
 
 
26/05/2009 13:20
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
“Da azionista ho le preoccupazioni di tutti, abbiamo visto la situazione del Corriere… Ma Mondadori non ha i debiti di Rcs e non deve vendere periodici come ha fatto il Corriere, ma è un momento di crisi preoccupante”.
I tablet pc come l’iPad si stanno dimostrando lo strumento giusto al momento giusto per il mondo dell’editoria ed è “sicuramente la strada da percorrere per la stampa quotidiana e periodica”.
Viene confermata dai dati Nielsen relativi al periodo gennaio – maggio 2010 la ripresa dell’advertising su tv, radio, internet, direct mail e affissioni, mentre rimane in calo sulla stampa quotidiana e periodica.