Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Editoria. Vito: a giugno incontro con parti su ammortizzatori
(Apcom) - Il governo convocherà le parti sociali del settore editoria a giugno per discutere degli ammortizzatori sociali con cui far fronte alla crisi. Lo ha annunciato il ministro dei rapporti con il Parlamento, Elio Vito, nel corso di un question time alla Camera rispondendo a una domanda sulla crisi del Mattino e la chiusura della redazione romana e precisando che "il 25 maggio scorso è pervenuta al ministero del Lavoro un'istanza di convocazione per l'espeltamento della procedura di consultazione sindacale. L'amministrazione competente del governo provvederà a convocare formalmente le parti per il mese di giugno". "Il settore dell'editoria - ha detto Vito - vive una situazione di crisi particolare legata certamente al calo delle vendite degli investimenti pubblicitari ma anche in relazione alle conseguenze negative della più generale crisi economica internazionale". Per quanto riguarda il mattino Vito ha spiegato che la società editrice il Mattino ha elaborato un piano per affrontare la crisi che punta ad un maggiore radicamento sul territorio dunque "fortemente focalizzato sull'area campana e napoletana che assorbirà una percentuale delle risorse giornalistiche maggiore rispetto ad oggi". "Il governo - ha poi aggiunto - è intervenuto tempestivamente sia con strumenti per l'emergenza che promuovendo la concertazione delle parti sociali. Per la prima volta con il decreto Mille proroghe si è provveduto a finanziare con 20 mln di euro per il 2009 piani di prepensionamento delle imprese editoriali che avviino piano di ristrutturazione. Grazie all'intesa raggiunta lo scorso 5 maggio presso la presidenza del Consiglio tra il ministrero del Lavoro, la Fieg, la Fnsi e l'Inpgi, è stato previsto che gli editori italiani contribuiscano direttamente al sistema degli ammortizzatori sociali con il contributo all'Inpgi pari al 30%". Inoltre ha aggiunto Vito, contemporaneamente il governo ha lavorato anche per la ratifica del nuovo contratto di lavoro.
 
 
28/05/2009 21:58
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
“Da azionista ho le preoccupazioni di tutti, abbiamo visto la situazione del Corriere… Ma Mondadori non ha i debiti di Rcs e non deve vendere periodici come ha fatto il Corriere, ma è un momento di crisi preoccupante”.
In una interrogazione parlamentare a risposta immediata, svoltasi alla Camera il 12 gennaio scorso, l'onorevole Flavia Perina (FLI) ha posto al Ministro dello sviluppo economico il quesito che agita il mondo della rete dal momento in cui sono state pubblicate la delibera Agcom 607/10/CONS sulla regolamentazione della fornitura di servizi di media audiovisivi a richiesta.
I tablet pc come l’iPad si stanno dimostrando lo strumento giusto al momento giusto per il mondo dell’editoria ed è “sicuramente la strada da percorrere per la stampa quotidiana e periodica”.