Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Elettrosmog, Brescia: iniziate le verifiche al Monte Maddalena nell'ambito del procedimento penale a carico di radio e tv
Sono iniziate nei giorni scorsi al Monte Maddalena a Brescia le verifiche tecniche in contraddittorio nell'ambito del procedimento penale per inquinamento elettromagnetico. Gli impianti di radiodiffusione siti sull'altura prospiciente la città di Brescia e destinata al servizio sulla città e zone esterne, ma anche su numerose province limitrofe, erano stati posti sotto sequestro dalla magistratura penale nei mesi scorsi, senza per questo subire inibizione all'esercizio. L'iter della verifica si presenta complesso sia per l'eterogeneità delle sorgenti radioelettriche, che per la responsabilità concorrente di enti pubblici (ad oggi non si è ancora provveduto ad indicare le aree tecnologiche atte all'insediamento ai sensi della legge regionale Lombardia 11/2001).
28/03/2009 06:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 252 del 27/10/2016 il decreto del 05/10/2016 del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare recante l’approvazione delle “linee Guida sui valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture degli edifici”.
Con sentenza depositata il 21/06/2016 in Segreteria, il TAR Lazio ha respinto il ricorso 10528/2003 e nel contempo accolto il ricorso 12364/2015 promosso da RAI WAY avverso l'Ordinanza del Sindaco del Comune di Rocca di Papa del 12/08/2003 che aveva ordinato la demolizione delle antenne di Monte Cavo Vetta e il verbale di accertamento 2236/2015 circa l'inottemperanza alla citata ordinanza di ingiunzione, sgombero e demolizione.
Riunione, oggi pomeriggio a Palazzo di Città, sul recente pronunciamento del Tar del Lazio in merito al ricorso della società Rai e Rai way contro da Delibera dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.
Tutto da rifare per il sito radioelettrico di San Silvestro, sulle alture di Pescara, postazione strategica per il servizio cittadino da decenni al centro di un braccio di ferro giudiziario e politico coi residenti che vogliono la delocalizzazione delle antenne.
Con sentenza depostata nello scorso mese di giugno Consiglio di Stato ha riconosciuto validi alcuni limiti fissati dai regolamenti comunali per l’utilizzo di siti già oggetto di insediamenti radioelettrici.