Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Elettrosmog, Francia, Afsset: effetti né a breve né a lungo termine dall'esposizione alle radiofrequenze
Cautela. E' questo il monito che viene dalla Francia in tema di elettrosmog, pur se a riguardo dello stesso si riconosce che non vi sono ricerche veramente "scientifiche".
Comunque sia, l'esposizione alle onde emesse dai ripetitori di segnali di telefonia mobile va limitata, nonostante non sia possibile provare che esse risultino davvero nocive per la salute. E' questo il sunto della relazione dell'Afsset, Agenzia francese per la sicurezza sanitaria dell'ambiente e del lavoro, incaricata di studiare gli effetti dell'insieme delle radiofrequenze (Wifi, Wimax, telefoni cordless, radio, microonde) sulla salute umana. Per l'organismo francese, anche se, oltre a quelli termici, non vi sono "prove certe" dell'esistenza di effetti delle onde, sussistono degli interrogativi, in particolare sulle conseguenze a lungo termine delle onde elettromagnetiche emesse dalle antenne. Non si può dimostrare scientificamente "l'inesistenza di un rischio", si legge nel rapporto, quindi "fin quando risulti possibile diminuire l'esposizione ambientale, questa riduzione è auspicabile". Nel rapporto Afsset si suggerisce l'uso di cellulari con un basso indice SAR (Specific Absorption Rate), un indice che misura il livello di radiofrequenze emesso dal telefono verso l'utilizzatore, una mappatura delle zone che presentano intensità più elevata, nonché "un uso moderato delle tecnologia senza fili". Secondo l'Agenzia, infine, i livelli di esposizione provenienti dai telefoni portatili sono molto più elevati di quelli dei ripetitori. Quindi un'eventuale riduzione della potenza delle antenne potrebbe tradursi in una maggiore esposizione alle radiofrequenze emesse dai cellulari. (fonte Apcom)
19/10/2009 21:29
 
NOTIZIE CORRELATE
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.
C'è poco da fare, i conti continuano a non tornare: quei 3 mld di euro non sono sufficienti per Delphine Ernotte, AD di France Télévisions, beneamata dal presidente Hollande, giunta ormai due anni fa al vertice della tv di stato con l'obiettivo ambizioso di risanarla e di ridurre entro il 2020 i contributi del ministero dell'economia che (esattamente come in Italia) rimane il suo unico azionista.