Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
«Elettrosmog: necessaria specifica disciplina penale». Il giustizialista Di Pietro dichiara (l'ennesima) guerra alle antenne

Attenzione: per visualizzare la notizia è necessario abbonarsi al S.I.T. di Consultmedia.

Per informazioni sulle modalità di abbonamento clicca qui.

11/06/2009 12:17
 

Elettrosmog e sensazionalismo: Scilipoti dia il buon esempio

Non mi è mai piaciuto Di Pietro, come non ho mai digerito i giustizialisti. E questa uscita della sua Italia dei Valori conferma la mia impressione. Si cerca il sensazionalismo a tutti i costi: cavalcare qualsiasi opportunità, scovare ogni pretesto per elemosinare voti. Senza pensare a quel che si fa, sia in una direzione che nell'altra. Sono pronto a scommettere che Scilipoti vive - come tutti i politici - attaccato al telefonino e, come tutti, s'incazza quando questo prende poco o per niente. Sarà poi un paladino del pluralismo e vorrebbe mille emittenti in più per contrstare lo strapotere di Berlusconi. Ma non vuole le antenne, perché, dice, le onde elettromagnetiche fanno male. Piuttosto che sparare (...) gratis, dia allora il buon esempio rinunciando al cellulare, alla radio e alla televisione. Allora e solo allora, caro Scilipoti, sarà veramente credibile.

Per fortuna che c'è Di Pietro ...

Anche io non sono un fan di Di Pietro (mai votato).
 
Ma il suo partito è l'unico che è attivo in questa area della tutela della salute pubblica attualmente in mano alla deregulation più sfrenata, senza alcun controllo che porti alla attuazione delle politiche di cautela.
 
Nonostante, con molta fatica, a livello internazionale ed Europeo sta  venendo fuori la relazione tra campi elettromagnetici e disturbi a breve (nei confroni di quel 3-5% della popolazione che ha una ipersensibilità ai CEM) che a lungo termine ( tumori al cervello - a destra, se  non mancino -  per un uso intenso per almeno una decina di anni del cellulare) :
  ad esempio il Parlamento Europeo ha votato praticamente alla unanimità una dichiarazione di WARNING agli stati membri.
Ma  acnhe  molti Stati  stanno adottando nelle normative più prundenziali ...
 
... nel frattempo la scienza è bloccata da uno scandaloso CONLFITTO DI INTERESSI tra Istituti  scientifiche e Finanziatori !!! al punto che il Progetto internazionale  più importante è in ritardo nella pubblicazione dei suoi risultati, perché ?   
Perché ci sono alcuni stati, tra cui l'Italia, che non hanno voglia di produrre i propri risultati ...   chissa' come mai ?!
 
SIAMO IN UN IMMENSO TRUMAN SHOW :   quando , fra poco, avremo migliaia di 'pazzi' ( = elettrosensibili ) e morti , allora qualcuno si titerà indietro (ricordate la storia del fumo, del fumo passivo, dell'amianto ?!).
 
Se volete saperne di piu' andate in www.elettrosensibili.it
 
Ciao
 
 

Giorgio

NOTIZIE CORRELATE
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 252 del 27/10/2016 il decreto del 05/10/2016 del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare recante l’approvazione delle “linee Guida sui valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture degli edifici”.
Con sentenza depositata il 21/06/2016 in Segreteria, il TAR Lazio ha respinto il ricorso 10528/2003 e nel contempo accolto il ricorso 12364/2015 promosso da RAI WAY avverso l'Ordinanza del Sindaco del Comune di Rocca di Papa del 12/08/2003 che aveva ordinato la demolizione delle antenne di Monte Cavo Vetta e il verbale di accertamento 2236/2015 circa l'inottemperanza alla citata ordinanza di ingiunzione, sgombero e demolizione.
Riunione, oggi pomeriggio a Palazzo di Città, sul recente pronunciamento del Tar del Lazio in merito al ricorso della società Rai e Rai way contro da Delibera dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.
Tutto da rifare per il sito radioelettrico di San Silvestro, sulle alture di Pescara, postazione strategica per il servizio cittadino da decenni al centro di un braccio di ferro giudiziario e politico coi residenti che vogliono la delocalizzazione delle antenne.
Con sentenza depostata nello scorso mese di giugno Consiglio di Stato ha riconosciuto validi alcuni limiti fissati dai regolamenti comunali per l’utilizzo di siti già oggetto di insediamenti radioelettrici.