Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Elettrosmog, Radio Vaticana, Codacons: "Non è innocente!"
Il Codacons dà una lettura da un differente punto di osservazione della sentenza della Corte di Appello di Roma, che ha dichiarato, rispettivamente, la prescrizione e l'estinzione del reato in capo agli imputati Roberto Tucci e Pasquale Borgomeo (in quanto deceduto).
Spiega l'associazione di consumatori: "Radio Vaticana non è innocente". "La Corte d'Appello di Roma, non accogliendo la richiesta di proscioglimento degli imputati ma dichiarando la prescrizione dei reati a causa dell'eccessivo tempo trascorso - dichiara in un comunicato il Codacons - Confermati inoltre gli effetti sul piano civile in favore delle parti civili (cittadini e Codacons) cui dovranno essere rifuse le spese legali". "La II sez. della Corte, Presidente Cappiello, disattendendo le richieste dei difensori dei due imputati Pasquale Borgomeo e Roberto Tucci (il primo deceduto), ha accolto le conclusioni delle parti civili dopo una lunga arringa dell'Avv. Carlo Rienzi in rappresentanza del Codacons" - continua la nota dei consumatori -"Quest'ultimo ha dimostrato in udienza come non solo i limiti fissati dalla legge all'emissione di onde elettromagnetiche furono superati dalle antenne di Radio Vaticana anche dopo il 2001, ma che l'emissione di tali onde era idonea a creare disagi e danni per gli abitanti delle zone limitrofe. Come si ricorderà, infatti, è in corso una parallela inchiesta per i numerosi decessi avvenuti nelle aree circostanti le antenne di Radio Vaticana. Ora centinaia di parenti di vittime causate dalle onde elettromagnetiche dell'emittente potranno ottenere un giusto risarcimento per le sofferenze subite".  Ovviamente differente l'esame della vicenda di Radio Vaticana, che aveva dichiarato, alla conoscenza della decisione giurisdizionale: ''La sentenza non ci soddisfa, perche' ci aspettavamo il proscioglimento degli imputati perche' il fatto non sussiste o comunque non costituiva reato".
16/10/2009 06:30
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 252 del 27/10/2016 il decreto del 05/10/2016 del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare recante l’approvazione delle “linee Guida sui valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture degli edifici”.
Dal 31/12 Radio Vaticana abbandonerà la storica (85 anni) denominazione per assumere il nuovo logo "Radio Televisione Vaticana", operazione che comporterà l'incorporazione del Centro Televisivo Vaticano (CTV), che continuerà a produrre servizi per il mercato internazionale.
Con sentenza depositata il 21/06/2016 in Segreteria, il TAR Lazio ha respinto il ricorso 10528/2003 e nel contempo accolto il ricorso 12364/2015 promosso da RAI WAY avverso l'Ordinanza del Sindaco del Comune di Rocca di Papa del 12/08/2003 che aveva ordinato la demolizione delle antenne di Monte Cavo Vetta e il verbale di accertamento 2236/2015 circa l'inottemperanza alla citata ordinanza di ingiunzione, sgombero e demolizione.
Il direttore generale di Radio Vaticana Padre Federico Lombardi ed il direttore amministrativo Alberto Garbarri per ragioni di scadenza dei rispettivi mandati alla fine di febbraio lasceranno l'incarico.
Riunione, oggi pomeriggio a Palazzo di Città, sul recente pronunciamento del Tar del Lazio in merito al ricorso della società Rai e Rai way contro da Delibera dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.