Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Elettrosmog, Toscana: la Regione si prepara per adottare norme più restrittive per le antenne radiotelevisive
Rispetto del diritto alla salute, difesa dall'inquinamento elettromagnetico, tutela del patrimonio ambientale, definizione dei criteri di localizzazione degli impianti.
Sono i capisaldi della nuova disciplina a cui sta lavorando la Regione Toscana in materia di antenne per radiocomunicazione. Ad illustrare la proposta di legge in commissione Territorio presieduta da Erasmo D'Angelis (Pd), peraltro gia' licenziata dall'Esecutivo con il benestare dell'associazione degli industriali, e' stata l'assessore all'Ambiente Anna Rita Bramerini. Tanti i punti toccati nel provvedimento a partire dalla localizzazione degli impianti (con potenza irradiata superiore a 5W e con potenza ERP superiore a 100W), di competenza delle Regioni, che deve essere ''compatibile con la funzionalita' delle reti di telecomunicazione e di copertura del servizio'', ma che prevede anche divieti ben definiti. Tra questi, l'installazione su ospedali e scuole a meno che, per esigenze di servizio, soluzioni alternative siano peggiori in termini di impatto elettromagnetico. Su aree di interesse monumentale - paesaggistico invece, l'installazione e' consentita solo con ''soluzioni tecnologiche che mitighino l'impatto visivo'' mentre e' favorito l'accorpamento degli impianti su strutture e siti comuni. Tra i criteri individuati la collocazione in ''zone non edificate'' e ''prioritariamente in aree di proprieta' pubblica''. Alla base della proposta di legge, il ''concetto di minimizzazione dell'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici'', in armonia con il ''principio di precauzione''. Tra le novita' piu' interessanti, l'istituzione di un 'Comitato tecnico per gli impianti' e l'introduzione dell'inventario dei micoroimpianti. (ASCA)
21/10/2009 22:15
 
NOTIZIE CORRELATE
Salvatore Scaravilli, uno dei volti più conosciuti di Tvr Teleitalia, la televisione regionale toscana di Prato, è morto all'età di 77 anni il 2 scorso a Firenze.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico delle graduatorie per il rilascio dei diritti d’uso di frequenze attribuite a livello internazionale all’Italia - c.d. frequenze coordinate - non assegnate ad operatori di rete nazionali per il servizio televisivo digitale terrestre, a conclusione delle procedure avviate con i bandi pubblicati il 02/05/2016.
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 252 del 27/10/2016 il decreto del 05/10/2016 del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare recante l’approvazione delle “linee Guida sui valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture degli edifici”.
Il Tribunale di Pisa ha omologato i concordati preventivi presentati da Publiaudio srl e Radio Valdera srl, carrier di importanti contenuti radiofonici (prevalentemente della Mediahit srl, titolare dei format e dei marchi associati).
L'estate vede nascere a sorpresa (visto il momento di crisi) nuove emittenti radiotelevisive locali in FM e sul DTT. Sul lato radiofonico, sull'appennino bolognese è nata Radio Fresh, con sede a Castiglione dei Pepoli.