Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Europarlamento: garantire l'accesso di tutti i cittadini a Internet equivale a garantire l'accesso di tutti all'educazione
(ADUC) - "L'accesso a Internet, come l'accesso all'educazione, non dovrebbe mai essere bloccato dai governi o dalle societa' private", ha sostenuto il 26 marzo il Parlamento europeo, opponendosi al disegno di legge francese Hadopi, alquanto controverso. Con 481 voti contro 25, e 21 astensioni, gli eurodeputati hanno adottato un testo sul "rafforzamento della sicurezza e delle liberta' fondamentali in Internet" dicendo che "garantire l'accesso di tutti i cittadini a Internet equivale a garantire l'accesso di tutti i cittadini all'educazione". Di conseguenza, "un tale accesso non dovrebbe essere rifiutato come sanzione dai governi o dalle societa' private", si legge nel testo presentato dal deputato socialista greco Stavros Lambrinidis. La sua, fatta propria dall'europarlamento, e' una visione opposta a quella della ministra francese della Cultura, Christine Albane, secondo cui l'accesso a Internet non e' "da considerare come un diritto fondamentale".
28/03/2009 15:35
 
NOTIZIE CORRELATE
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
Il fenomeno del “digital divide” (divario esistente tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione e chi invece ne è escluso, in parte o del tutto) è stato notevolmente ridotto, ma preoccupante è la questione riguardante i ritardi cronici in termini di realizzazione delle infrastrutture necessarie per le comunicazioni a banda larga nelle zone a fallimento di mercato a causa di procedimenti di rilascio dei permessi da parte degli enti amministrativi troppo lunghi.
Consiglio e Parlamento, nel corso del 'trilogo' con la Commissione europea, hanno raggiunto un accordo politico sull'uso delle frequenze di 700 Mhz per i servizi mobili che sara' disponibile per la banda larga facilitando l'introduzione dei dispositivi 5G entro il 2020.
Dopo la firma degli accordi di programma e delle convenzioni operative tra il Mise e le Regioni interessate è stato pubblicato da Infratel Italia Spa il bando di gara per la costruzione e gestione di infrastrutture passive per la banda ultralarga nelle aree bianche delle regioni Piemonte, Valle D’Aosta, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Basilicata, Sicilia e della Provincia autonoma di Trento.
Il prossimo 14 luglio nell'ambito della Federal Communications Commission (FCC) verrà votata la proposta Spectrum Frontiers, con cui potrebbero essere assegnati alla tecnologia 5G fino a 14 GHz dello spettro radioelettrico.