Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Facebook non la spunta sul localismo cinese
(ADUC.it) - Con 175 milioni di utenti, la rete sociale Facebook si conferma il fenomeno di maggior successo in Internet. Non in Cina pero', anche se i suoi 300 milioni di utenti la rendono la comunita' piu' numerosa del mondo. Mancano dati ufficiali, ma si calcola che sia solo un utente ogni mille a usare Facebook, a riprova che in Cina la Rete continua a essere un mondo virtuale a se'. Lo aveva gia' sperimentato Google: malgrado gli sforzi profusi, continua a essere scavalcato dal rivale locale Baidu. Cosi' Yahoo, alle prese con la difficile concorrenza di Sina e Sohu. O ancora QQ, piu' popolare di Messenger della Microsoft. I motivi dell'insuccesso di Facebook in Cina sono simili a quelli dei casi precedenti. Si tratta di fattori culturali, politici e commerciali che, sommati insieme, formano una vera barriera tra gli internauti cinesi e l'Occidente.
25/02/2009 16:42
 
NOTIZIE CORRELATE
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.
Si allontana ancora un po’ la cessione da parte di Yahoo di buona parte delle sue attività al gruppo di telecomunicazioni statunitense Verizon.
Facebook punta al mercato musicale per migliorare la sua rendita, e conta di farlo continuando a sfidare Google e la sua colossale piattaforma video, il contenuto online che crea maggior engagement in assoluto.
Se si parla di diffamazione, Facebook e i social non sono assimilabili alla stampa ma vanno considerati come mezzo di pubblicità: così stabilisce una recente sentenza della Cassazione.
Il fermento suscitato dalle elezioni presidenziali americane sembra aver portato alla luce il fenomeno preesistente delle “fake news” (le "bufale"), contro il quale pare si stia avviando una vera e propria “guerra”.