Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Facebook: occhio che a socializzare troppo si rischia il licenziamento
Questa volta non si tratta di una storia d'amore, bensì di un licenziamento. Accade in Inghilterra, dove Facebook ormai è utilizzato anche per controllare i profili di chi sta per essere assunto. E anche, a quanto pare, per scovare i dipendenti insoddisfatti.
Ora forse i dipendenti delle grandi aziende italiane non si arrabbieranno più quando scopriranno che dal proprio ufficio un sistema di protezione gli impedisce di perdere tempo allegramente su Facebook. Proprio così, perché ormai su Facebook si rischia grosso. Non solo di essere sbeffeggiati a causa di qualche foto particolarmente imbarazzante. Ma anche di perdere il lavoro. E' successo in Inghilterra, ad una 16enne di nome Kimberley Swann. Colpevole di aver espresso, sulle pagine del social network più utilizzato al mondo, la propria insoddisfazione per la routine aziendale. La cosa, apparentemente innocua soprattutto se si considera l'età della ragazza in questione, è stata invece considerata molto grave dal management dell'azienda (la Ivell Marketing and Logistics). Che ha reagito con la sanzione più estrema. Il licenziamento immediato, via lettera. In un mondo in cui la reputazione è tutto, la Ivell ha ritenuto che il gesto di Kimberley fosse lesivo del suo buon nome. Perchè nessuno deve pensare che ci si annoia lavorando alla Ivell. Il caso ovviamente ha fatto il giro del mondo e rischia di costituire un precedente importante. C'è solo da sperare che, per smontare il caso, arrivi presto un gesto di distensione. O quanto meno un gruppo su Facebook per trovare un altro lavoro a Kimberley. A pensarci bene infatti, non sarebbe male se proprio da Facebook Uk arrivasse un'offerta di quelle che non si possono rifiutare. (Davide Agazzi per NL)
03/03/2009 11:59
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.