Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Fiorello, forse già in primavera il ritorno su Radio2. Il direttore Valzania: "Non è escluso. Se lui dice sì, il giorno dopo andiamo in onda. Sono un cattolico e confido nell'aiuto della Provvidenza".
(Adnkronos) - "Non è escluso che Fiorello torni su Radio2 anche durante il suo programma su Sky. E anzi io credo che sarebbe in grado di far venire fuori un programma radiofonico anche a latere dell'esperienza live di piazzale Clodio che realizzerà per Sky". A parlare così all'ADNKRONOS di un possibile ritorno su Radio2 dello showman che ha appena firmato un contratto con la tv di Rupert Murdoch (ma l'esclusiva è prevista solo per programmi tv che lo vedano protagonista, quindi non per la radio) è il direttore dei programmi di Radio Rai, Sergio Valzania.
"Con Fiorello - sottolinea Valzania - se lui dice sì, il giorno dopo andiamo in onda. Si tratta di fare un giro di telefonate e si parte. Io ho motivo di sperare che nel suo percorso sia previsto un ritorno in radio. E poi sono un cattolico e confido nell'aiuto della Provvidenza".
Quanto all'esperienza fatta con Bonolis nel pre-Sanremo con 'America me senti', Valzania dice: "Sicuramente ci siamo trovati molto bene, noi con lui e credo anche lui con noi. Adesso si sta giustamente riprendendo dalle fatiche del festival, poi certamente lo cercherò. Ma molto dipenderà anche dai suoi prossimi progetti televisivi. Il nostro lavoro è proprio cercare di portare su Radio2 le personalità più significative del mondo dello spettacolo, è la cifra di questo canale ed è anche il contributo del servizio pubblico alla radiofonia".
E a proposito della ricerca di 'fuoriclasse', Valzania confessa: "Radio Rai ha provato per anni a convincere Mina e resta uno dei miei sogni nel cassetto: per averla, vivendo lei a Lugano, accetterei anche che andasse in onda accostando un telefonino al microfono", scherza. Intanto accarezza anche il sogno di un ritorno, quello di Luciana Littizzetto: "Mi piacerebbe soffiarla a Radio Deejay. D'altronde ha già lavorato con noi e lasciarla andar via è stata una leggerezza di cui siamo pentiti", conclude.
28/02/2009 07:37
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.