Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Flop Tv: la televisione via web targata Fox Channels dedicata alla comicità
(Digital-sat.it) - E’ nata da qualche giorno in Italia FlopTV (www.floptv.tv), la web tv di ultima generazione dedicata interamente alla comicità, al surreale e all’umorismo più caustico. Floptv è una creazione di FoxFactory (business unit dedicata allo sviluppo di programmi, produzioni sui nuovi media e branded entertainment) e del dipartimento New Media di Fox Channels Italy.
La web tv ospita nel suo palinsesto comicità e divertimento, un genere che viene però proposto in maniera innovativa rispetto al mezzo televisivo più tradizionale. Floptv intende infatti essere anche un luogo di sperimentazione di nuovi formati e linguaggi, oltre che palestra per nuovi talenti e autori comici che potranno trovare spazio nella tv del futuro.
L’offerta di Floptv si compone di produzioni originali o d’acquisizione e di uno spazio dedicato ai contenuti user generated. Già dal suo debutto propone un palinsesto molto ricco, con ben tre produzioni originali: le serie Drammi medicali, sognI e ITALIANI NELLO SPAZIO.
Protagonisti della serie Drammi Medicali e personaggi di punta della nuova web tv sono Maccio Capatonda (Marcello Macchia, Mai Dire… della Gialappa’s) ed Elio, che incarnano l’umorismo assurdo e a volte spietato che è il registro prevalente della comicità proposta da Floptv.  
Comicità e sperimentazione, dunque, ma anche tecnologia di ultima generazione, grazie alla quale la webtv, realizzata interamente sulla piattaforma tecnologica italiana CrossCast, è visibile in alta definizione e disponibile sulle più diffuse piattaforme: dai personal computer alle principali console per videogiochi fino ai cellulari multimediali.
I programmi sono proposti in formati che vanno dai 2’ ai 10’, tagli consoni alla fruizione sulle diverse piattaforme. Gli utenti possono guardarli in streaming e postarli all’interno del proprio profilo sui più diffusi social network e siti di sharing, da MySpace a Facebook passando per Digg. 
“Floptv cerca di sperimentare e proporre contenuti normalmente giudicati ‘troppo avanti’ per la tv tradizionale” spiega Michele Ferrarese, direttore creativo di FoxFactory e di FlopTv. “Riteniamo che esista un sostanziale gap tra l’attuale proposta televisiva e il target più giovane. La sua lenta ed inesorabile fuga dalla tv generalista, troppo spesso ostaggio di un pubblico attempato, a vantaggio della televisione tematica e di Internet è un fenomeno crescente. Nonostante questo, Flop Tv non si pone come anti televisione, anzi ha come ambizione quella di provare ad anticipare i gusti ed il mainstream di domani.” E conclude: “Flop Tv vuole proporre un'esperienza sensoriale televisiva al popolo di internet senza dimenticare di rivolgersi essenzialmente a degli user e non a dei semplici viewer” .
27/02/2009 07:38
 
NOTIZIE CORRELATE
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
La Corte di Giustizia dell’Unione europea ha stabilito che le emittenti televisive possono vietare la ritrasmissione via internet dei loro programmi da parte di un’altra societa’.
La stampa è piena di catastrofisti che danno la tv per spacciata. Alcuni giornalisti addirittura parlano di giorni contati. Lo fanno, evidentemente, senza cognizione di causa.
La novità che appare più eclatante nel mondo dei media italiano in questo inizio di 2011 è il diffondersi di una nuova offerta di servizi televisivi che fanno uso di internet per la loro diffusione.
Chi effettua trasmissioni in modalità simulcasting è tenuto a notificarlo non solo a SIAE ed SCF ma anche all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e al Ministero dello Sviluppo Economico.