Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Forum P.A. un invito ai giovani giornalisti: fate un'inchiesta sulla Pubblica Amministrazione

Il mondo dell’informazione sta cambiando e, se il web è 2.0, anche il giornalismo diventa di seconda generazione e si apre ai contributi dal basso, alle contaminazioni, alla condivisione dei contenuti e alla partecipazione. Proprio per dare spazio a queste nuove “voci” dell’informazione Forum PA lancia l’iniziativa Inchiesta PA e invita i giovani giornalisti, o aspiranti tali, a entrare virtualmente nella sua redazione, realizzando un articolo, un video o un fotoreportage sulla pubblica amministrazione. Un universo aggregato che raccoglie realtà diversissime: alcune (molte) che spesso non funzionano come dovrebbero, annegate nelle sabbie mobili di sprechi e lentezze burocratiche; altre fucine di eccellenze amministrative, servizi efficienti e innovativi, spesso frutto dell’impegno e della creatività di persone che lavorano nell’ombra. I lavori migliori, scelti da una giuria composta da giornalisti ed esperti di comunicazione, verranno presentati dagli autori il 12 maggio prossimo a Forum PA ‘09 (Fiera di Roma, 11-14 maggio 2009), nel corso di un evento in cui si discuterà delle nuove frontiere del giornalismo e dei media. Le inchieste selezionate saranno, inoltre, segnalate dall’ufficio stampa di Forum PA alle principali testate italiane e verranno pubblicate sul portale www.forumpa.it (che conta in media 4.000 visite al giorno) e sulla rete sociale www.innovatoripa.it, luogo di incontro e contaminazione tra pubblica amministrazione e territorio, tra pubblico e privato. Per partecipare a Inchiesta PA bisogna avere massimo 30 anni e inviare i lavori entro il 29 aprile 2009 attraverso la form di iscrizione on line. Inchiesta PA parte quest’anno come un laboratorio di giornalismo partecipativo, un esperimento che ambisce a diventare, in futuro, una forma abituale di interazione per dare spazio alle nuove “voci” dell’informazione. Per maggiori informazioni sull’iniziativa e per iscriversi: www.inchiestapa.it/

 

   

15/04/2009 11:02
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.
Approvata la nuova riforma pensionistica per l’Inpgi, ma non cessano le voci di protesta e i timori sul futuro dell’Istituto. La riforma, che ha ricevuto il placet di Ministero del Lavoro e Ministero dell’Economia, si è resa necessaria perché i conti in rosso dell’ente ne facevano presagire, nel giro di pochi anni, la chiusura o l’assorbimento nella cassa Inps.