Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Francia. Gruppo Bouygues: utili in calo per attivita' telecom e tv
Il conglomerato francese Bouygues ha chiuso il primo trimestre 2009 con un utile netto in calo del 29% a 159 milioni di euro ed un fatturato in calo del 2% a 6,6 miliardi di euro. Il risultato operativo del gruppo di telecomunicazioni, lavori pubblici, immobiliare e tv, ha accusato una flessione del 55% a 174 milioni. Il gruppo ha ora ribassato le sue previsione di fatturato per l'intero 2009 portandole da 31,7 a 31,3 miliardi, tenuto conto, precisa nel comunicato, del calo degli ordini di Bouygues Construction (-30% nel primo trimestre) e delle prospettive di TF1. Bouygues Telecom, filiale di telefonia del gruppo ha registrato un calo del suo utile netto del 13% a 131 milioni d euro per un fatturato in aumento del 6% a 1,2 miliardi di euro. L'utile operativo lordo ha registrato un calo dell'8% a 348 milioni a causa del forte successo commerciale (144.000 nuovi clienti nella telefonia mobile), dei costi per sviluppare la telefonia fissa e di nuove tasse. TF1, che e' la principale rete tv commerciale del paese, ha dovuto continuare a far fronte a 'una congiuntura molto difficile' che si e' tradotta in un utile netto un calo del 90% a 3 milioni di euro per un fatturato sceso del 18% a 538 milioni. Il contributo all'utile netto di Alstom, il gruppo di energia e trasporti di cui Bouygues e' il principale azionista, e' di 95 milioni (+17%). (ADUC)
 
 
03/06/2009 20:31
 
NOTIZIE CORRELATE
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
Le televisioni non sopravvivono più solo con la pubblicità e cercano nuovi modelli di business. Le emittenti televisive stringono la cinghia: Mediaset ha dichiarato l’obiettivo di risparmio di 123 milioni di euro entro il 2020, mentre, secondo quanto riporta Italia Oggi, il canale francese Tf1 si prefigge di risparmiare 25-30 milioni di euro ogni anno.
Chi legge i giornali lo fa sempre più spesso sul proprio telefonino. L'Acpm (Alliance pour le ciffres de la presse et des médias), incaricata di monitorare la diffusione della stampa in Francia, ha certificato il sorpasso del digitale (53%) sulla carta stampata (47%) per quanto riguarda le abitudini dei lettori, mentre, tra le persone che leggono i giornali sul web, il 41% utilizza uno smartphone e il 40% si avvale del pc.