Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Francia, Tv: TF1 affonda in borsa dopo stime negative su 2009 e il taglio cedola. Perdono terreno anche Mediaset, Itv e Premiere

La principale Tv commerciale francese scivola in borsa di circa l'11% dopo previsioni negative per l'anno in corso e il taglio del dividendo. TF1 ha previsto un calo del 9% dei ricavi consolidati nel 2009 a causa del peggioramento della congiuntura economica e ha dimezzato il dividendo 2008 a 0,47 euro (da 0,85) dopo aver registrato un calo del 42% dell'utile operativo a 177 milioni. I ricavi sono scesi del 5,3%, meglio del -6% indicato dal gruppo a novembre. Gli analisti si aspettavano un utile operativo di 192 milioni, secondo Reuters Estimates.

 

L'Ad Nonce Paolini ha sottolineato che l'inizio d'anno è stato negativo per il mercato pubblicitario e che questo ha colpito TF1 come gli altri concorrenti. "Il gruppo ha preannunciato un calo del 9% del fatturato complessivo contro un consensus di un -2,8%. Questa dichiarazione è difficile che rassicuri il mercato e conferma il forte deterioramento del mercato pubblicitario", dice un trader.

 

Intorno alle 11 TF1 cede il 10,8%; la concorrente più piccola M6 perde il 4,5%, mentre l'indice parigino SBF 120 sale dello 0,75%. Lo stoxx dei media europei è in rialzo dell'1,22%.  A Milano, Mediaset cede il 2%, la britannica ITV scende del 2,8%, mentre la tedesca Premiere scende di oltre il 3%. (Reuters)

19/02/2009 22:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.