Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Garante della privacy: i social network rendono perpetuo il passato
(ADUC.it) - "Rischiamo di essere la prima generazione destinata a portarsi dietro tutto il proprio passato, poiche' l'uso sempre piu' massiccio della Rete e dei social network rende i dati incancellabili". Ad evidenziarlo e' stato il garante della privacy, Francesco Pizzetti, partecipando oggi a Roma a una tavola rotonda sulle cellule staminali. "Tanta gente - ha sottolineato Pizzetti - mette in Rete notizie e informazioni relative anche ad attivita' di divertimento nella propria vita. Sempre piu' cresce il rischio che attraverso i motori di ricerca chiunque, in qualunque momento, possa conoscere queste informazioni". Il che significa che, "utilizzando siti come Facebook o altri social network, "stiamo mettendo in Rete giorno dopo giorno le nostre vite". "Ma siccome sono dati non cancellabili - ha aggiunto - questo vuol dire che sempre di piu' siamo destinati a portarci dietro la nostra vita. E che diventa difficile farsene una nuova se lo si desidera. Quindi raccomando la massima attenzione a come si usa la Rete perche' non e' un giocattolo, e' una grande opportunita' ma si deve sapere che quello che viene messo sul web vivra' di una vita propria e sfuggira' al nostro controllo".
11/03/2009 22:32
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
La tutela della privacy è prevista espressamente solo per le persone fisiche e non si estende a quelle giuridiche. Le società, pertanto, non possono opporsi alla richiesta di accesso civico ad atti e documenti ad esse relativi detenuti dalle P.A. in funzione dell’interesse privatistico della tutela dei propri dati personali ex art. 5 bis, comma 2 lett. a d.lgs. 33/2013.
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.