Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
G.B. Il negozio virtuale di Vodafone vendera' musica senza restrizioni da copyright
(ADUC.it) - Nessuna protezione digitale del copyright sara' presente d'ora in poi nelle canzoni vendute sul Music Store di Vodafone. La compagnia telefonica ha annunciato che togliera' il Drm (Digital Rights Management) dai brani, a seguito di accordi con Universal Music Group, Sony Music Entertainment ed Emi Music. L'intesa - la prima nel suo genere tra le major discografiche e un operatore mobile - eliminera' le restrizioni del Drm relative al numero massimo di copie eseguibili, alla masterizzazione e ai dispositivi di riproduzione. Una strada gia' intrapresa da iTunes di Apple. Le canzoni in formato Mp3 saranno disponibili sul negozio virtuale di Vodafone entro l'estate in diversi paesi in cui l'operatore e' presente, Italia compresa. Gli utenti che hanno gia' acquistato i brani in formato Wma, con protezione Drm, potranno convertirli in Mp3 senza spese ulteriori. Supportato da RealNetworks, il catalogo musicale di Vodafone conta oltre un milione di canzoni. Tra gli artisti presenti figurano i Coldplay, Britney Spears e Duffy.
 
13/03/2009 21:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Mercoledì 8 marzo, si è tenuto presso la sede di Confindustria Radio Televisioni (CRTV), un ulteriore incontro con una delegazione della SCF e i rappresentanti dell’Associazione Radio FRT e di Aeranti-Corallo, avente per oggetto il rinnovo della convenzione per i diritti connessi.
L’Unione Europea, vuole estendere la tutela dei diritti connessi all’editoria digitale per tutelarne la situazione economica: una misura che rischia seriamente di trasformarsi in una clamorosa spallata sia all’accesso d’informazioni per l’utenza che ai piccoli editori.
Oltre all’aspetto primario di utilizzo musicale, ci sono altri aspetti che derivano dallo streaming e dall’utilizzo di tale servizio. Anzitutto la platea che si apre agli autori che si avvalgono anche dei servizi in streaming per la diffusione delle loro creazioni è quella degli internauti e quindi potenzialmente l’intero mondo di Internet.
La SIAE accoglie la richiesta del presidente dell’Associazione Internet Media - ing.
Come affermato sul sito web, SCF è la società che, in Italia, gestisce la raccolta e la distribuzione dei compensi, dovuti ad artisti e produttori discografici, per l’utilizzo in pubblico di musica registrata.