Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Ginevra, ultimo treno per Digital Radio Mondiale?
Si terrà a Ginevra, nella sede della European Broadcasting Union, il prossimo 26 novembre, la giornata (qui il PDF del programma) dedicata a Digital Radio Mondiale, lo standard di radio digitale pensato per sostituire le modulazioni analogiche in media-alta frequenza e, più recentemente, nella banda I-II delle VHF.
Naturalmente la fonte della notizia è l'attentissimo Andrea Lawendel di Radio Passioni, che ricorda come il "DRM non è una sigla nuova e da anni viene sperimentato sulle onde corte e, in Europa, sulle onde medie e lunghe". Lawendel, in qualità di esperto di cose radiofoniche (analogiche e digitali), dichiara di nutrire forti dubbi "sulla natura di questi infiniti test, fatti consumando soldi e corrente elettrica di broadcaster finanziati dalle tasse dei contribuenti". Ma seri dubbi deve nutrirli anche il mercato, visto che allo stato attuale, a distanza di parecchi anni, esistono pochissime marche di ricevitori commerciali e l'ascolto delle trasmissioni DRM avviene nella vasta maggioranza dei casi grazie ai programmi di decodifica per pc. "Quest'anno - ricorda il giornalista - era stata annunciata l'uscita di un ricevitore, della francese Uniwave, che sembrava molto promettente proprio in vista di una eventuale massificazione delle possibilità di ascolto. Doveva uscire nei negozi prima dell'estate, poi nel mese di luglio. Poi a metà settembre. Finora il D100, questa la sigla del ricevitore Uniwave, è stato protagonista di presentazioni in occasioni di eventi internazionali come l'IFA di Berlino, l'IBC di Amsterdam e, nel gennaio del 2010, al CES di Las Vegas". "La testardaggine da parte dei fautori del DRM nel non saper prendere in considerazione l'idea che forse la radio è un mezzo che ha bisogno di ascoltatori oltre che di encoder digitali costosi e capaci di generare spiacevoli interferenze in bande occupate da trasmissioni analogiche - conclude Lawendel -  è l'aspetto che mi fa pensare che questo sistema, nato nei laboratori di ingegneria, abbia pochissime chance di successo. Sentiremo che cosa avranno da dirci i relatori della giornata ginevrina".
10/11/2009 21:16
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.