Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Giornalisti del gruppo Editori per la finanza in stato di agitazione
L'assemblea dei giornalisti di Editori per la finanza, il gruppo che pubblica il quotidiano «Finanza & Mercati» e il settimanale «Borsa e finanza», ha proclamato lo stato di agitazione, votato un pacchetto di cinque giorni di sciopero e deciso di riunirsi in assemblea permanente a partire dalla prossima assemblea dei soci. Lo si legge in un comunicato del comitato di redazione. «L'ultima assemblea dei soci di Editori Perlafinanza (Epf) con all'ordine del giorno un aumento di capitale è andata deserta» spiega la nota. «I due soci, Silvia Necci e Finzeta di Patrizia Zanella, - continua - hanno in questo modo mandato il peggior segnale possibile alla redazione, che viene così lasciata nell'incertezza più assoluta. Non solo. Il comportamento dei soci, che a una superficiale lettura lascia trasparire indifferenza, si presta a ben altre e più preoccupanti interpretazioni alla luce del comportamento di alcuni ex soci ed ex amministratori». «I dati di bilancio - scrive ancora il cdr - delineano invece un quadro confortante soprattutto in chiave prospettica. Nonostante la grave crisi del settore editoriale, Epf è riuscita infatti a ridurre massicciamente le perdite e il trend positivo si sta confermando anche nel 2009. Questo profondo processo di ristrutturazione, che fra le altre cose ha ridotto di oltre la metà in maniera non traumatica il corpo redazionale, è stato reso possibile dal lavoro straordinario e non retribuito dei giornalisti rimasti, che rischiano ora di vedere andare in fumo i durissimi sacrifici sopportati negli ultimi due anni. L'incertezza o, ancor peggio, l'inattività dei soci rappresenta un ostacolo di gran lunga superiore alle difficoltà portate dal processo di ristrutturazione. È per questo motivo - conclude la nota - che la redazione, che fino a oggi non aveva mai ritenuto necessario adottare misure di protesta, ha deciso di reagire”. (Adnkronos)
06/04/2009 21:13
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.
Approvata la nuova riforma pensionistica per l’Inpgi, ma non cessano le voci di protesta e i timori sul futuro dell’Istituto. La riforma, che ha ricevuto il placet di Ministero del Lavoro e Ministero dell’Economia, si è resa necessaria perché i conti in rosso dell’ente ne facevano presagire, nel giro di pochi anni, la chiusura o l’assorbimento nella cassa Inps.