Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Giornalisti Mediaset chiedono chiarimenti all'azienda copo il caso Mesiano. Brachino: se è offeso mi scuso
Anche i giornalisti Mediaset scendono in campo sul caso Mesiano, con una nota del Coordinamento dei Comitati di Redazione che censura quanto accaduto la scorsa settimana e chiede un confronto all'azienda sul tema dell'informazione.
La presa di posizione dei Cdr Mediaset si riferisce a un servizio mandato in onda dalla trasmissione "Mattino 5", condotta da Barbara D'Urso e dal giornalista Claudio Brachino, nel quale venivano messe in luce alcune presunte stravaganze di Raimondo Mesiano, il giudice che recentemente ha condannato in primo grado, in sede civile, il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi a risarcire 750 milioni di euro a Carlo De Benedetti per il presunto "scippo" della Mondadori. Nel servizio Mesiano, seguito in una giornata di libertà, mentre passeggia, legge il giornale e va dal barbiere, è stato dipinto come strambo per il suo abbigliamento (le ormai celebri calze turchesi) e per alcune sue abitudini, come quella di camminare avanti e indietro sul marciapiedi davanti al negozio del barbiere. Un servizio evidentemente basato sul nulla, che da più parti è stato letto come un attacco in piena regola al giudice, sferrato dalle reti del Cavaliere. Dopo le prese di posizione durissime della Federazione Nazionale della Stampa, che ha parlato di pestaggio mediatico, e dell'Associazione Nazionale Magistrati, che ha invocato il Garante della Privacy, anche il Coordinamento dei Comitati di Redazione dei giornalisti Mediaset è intervenuto per chiedere all'azienda spiegazioni sull'accaduto e ha espresso «viva preoccupazione per quanto sta avvenendo nel mondo dell'informazione e nelle reti Mediaset». Intervistato da Corriere Tv, Paolo Trombin, del Cdr del Tg5, ha ribadito che episodi come questi accadono anche in seguito alla scelta di creare un'impropria commistione tra informazione e intrattenimento. Il Coordinamento dei Cdr Mediaset ha espresso apprezzamento e solidarietà a Pietro Suber, giornalista del Cdr di Videonews, la testata alla quale fa capo "Mattino 5", che in seguito al caso Mesiano ha rassegnato le proprie dimissioni dal sindacato. I colleghi gli hanno chiesto di ripensarci e di tornare a ricoprire il proprio incarico. (Franco Abruzzo.it)
 
 
 
19/10/2009 21:04
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.