Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Giornalisti, Premio Media Avedisco - Città di Bolzano: premiati i vincitori
Si sono svolte il 17 aprile, nel nuovo centro congressi Eurac di Bolzano, le premiazioni della prima edizione del Premio Media Avedisco - Città di Bolzano, organizzato dall'associazione di categoria Avedisco in collaborazione con il Comune di Bolzano e il patrocinio dell'Università Carlo Bo e dell'Istituto per la formazione al giornalismo di Urbino, dal titolo «L'economia dal volto umano, strategie di comunicazione del prodotto».

 A dare il benvenuto ad Avedisco, alla giuria e ai giornalisti premiati, il sindaco di Bolzano, Luigi Spagnolli, e il senatore Giacomo Santini. «Sono onorato di poter ospitare a Bolzano questa importante manifestazione -ha detto il sindaco Spagnolli- È il segno tangibile dell'ospitalità e dell'accoglienza che sono tipiche della nostra città».

 Quindi si è provveduto alla premiazione dei vincitori.
Laura Troja e Ferdinando Giugliano, con l'articolo «Il commesso viaggiatore torna a bussare alla porta», pubblicato suLa Repubblica, sono stati decretati i vincitori della prima edizione del Premio Media Avedisco - Città di Bolzano. Nella sezione "libera carta stampata", rivolta a tutti i giornalisti, sono stati assegnati anche due secondi premi a Giovanna De Leonardis, che ha presentato un'inchiesta pubblicata sul Giornale di Carate dal titolo «La crisi c'è, ma le bancarelle resistono», e a Lorena Bassis con l'articolo pubblicato sul settimanale Viver Sani & Belli dal titolo «Faccio shopping a casa mia».
La giuria, presieduta dal rettore dell'Università di Urbino Giovanni Bogliolo e composta da Giacomo Ferrari (Corriere della Sera), Paolo di Giannantonio (Tg1 RAI), Grazia Trabalza (GR RAI), Gianni Sabbatini Rossetti (presidente Ordine dei giornalisti delle Marche), Michele Pasqualotto (responsabile ufficio stampa Comune di Bolzano) e Luca Pozzoli (presidente Avedisco) ha assegnato anche un premio per la sezione radiotelevisiva a Barbara Capponi per il servizio andato in onda il 7 novembre 2008 nell'edizione del Tg1 Economia.
Per la sezione "studenti in formazione", ossia la categoria dedicata esclusivamente ai ragazzi che frequentano le scuole di giornalismo riconosciute dall'Ordine nazionale dei giornalisti, la giuria ha decretato di premiare il servizio radiofonico di Maurizio Molinari, allievo dell'Ifg di Urbino, dal titolo «Nidi di mamme, nidi per mamme» che ha preso in esame il lavoro quotidiano di un gruppo di donne napoletane che nei quartieri spagnoli si sono ingegnate per fornire ai propri figli un'educazione adeguata e, nel contempo, "arrotondare" il proprio reddito a volte modesto.
18/04/2009 08:36
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.
Approvata la nuova riforma pensionistica per l’Inpgi, ma non cessano le voci di protesta e i timori sul futuro dell’Istituto. La riforma, che ha ricevuto il placet di Ministero del Lavoro e Ministero dell’Economia, si è resa necessaria perché i conti in rosso dell’ente ne facevano presagire, nel giro di pochi anni, la chiusura o l’assorbimento nella cassa Inps.