Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Giornalisti, riforma dell’Ordine. Siddi: “E’una proposta positiva da sostenere”
La proposta di riforma dell'Ordine dei giornalisti «è un grandissimo passo avanti, è una proposta positiva. Sarebbe anche utile fare di più; le idee non mancano ma tutti siamo consapevoli di quali sono le condizioni date e le difficoltà a fare marciare in Parlamento la nuova legge». Lo ha detto il segretario della Fnsi, Franco Siddi, parlando al V congresso dell'Assostampa di Puglia. «Se il progetto raccolto da un gruppo di parlamentari andrà avanti - ha aggiunto - va sostenuto. È bene ci sia un dibattito che si apre anche con proposte che vanno oltre, ma con l'obiettivo di ottenere una riforma vera. Il sindacato e l'Ordine hanno un mestiere diverso, lo devono fare al meglio, devono camminare su binari paralleli costruendo quelle miracolose convergenze parallele che, partendo dalla Puglia con Aldo Moro qualche decennio fa, fecero crescere nel Paese una grande politica riformista». «Penso che siamo tutti consapevoli - ha proseguito Siddi - che sia necessario nel mondo dell'informazione andare a riforme di sistema, riguardo alla legge dell'editoria, riguardo al diritto di cronaca e al nostro ordinamento; la legge dell'Ordine ha fatto il suo tempo. Io non sono interessato a polemizzare con gli attuali dirigenti dell'Ordine, non mi interessa polemizzare con il segretario Iacopino o con il presidente Del Boca, mi interessa dire che è importante sostenere la riforma dell'ordinamento con un alleggerimento degli apparati e con una valorizzazione del mestiere autentico dell'Ordine: quello - ha concluso - di organismo giurisdizionale della professione che tiene gli albi, vigila sul rispetto della deontologia della professione, che cura la formazione continua e che attraverso il giurì può dare risposte immediate ai cittadini quando i cittadini sono danneggiati nella loro privacy». (ANSA).
20/05/2009 15:24
 
NOTIZIE CORRELATE
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
I giornalisti del dipartimento emittenza locale della Fnsi sono preoccupati per il ritardo con cui il governo sta procedendo ad emanare i decreti attuativi della riforma dell’editoria. «Il ministero sblocchi i contributi 2015, il cui mancato riconoscimento mette a rischio l’occupazione in numerose aziende», chiedono.
L'Ordine dei giornalisti (della Lombardia), primo fra gli ultimi, ha scoperto l'esistenza delle bufale. "Da tempo denunciamo il boom di false notizie che circolano sul web e che poi i social network rilanciano, senza alcuna verifica delle fonti", si legge nella newsletter odierna dell'organo di autogoverno dei giornalisti.
Da oggi è consultabile sul sito dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia una nuova sezione aggiornata (in home page in alto a destra) con tutte le informazioni relative ai corsi di formazione obbligatori.
Il Segretario Generale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana e membro del Comitato direttivo del Sindacato mondiale di categoria (Ifj), Franco Siddi, in un incontro con il Segretario dell'Usigrai, Vittorio Di Trapani, ha ribadito l'impegno della Fnsi e del Sindacato internazionale dei giornalisti (Ifj) per la difesa e il rilancio del servizio pubblico radiotelevisivo.