Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Giustizia civile, durata processi: lavorando “in sequenza” si riduce del 30% il tempo della causa

Attenzione: per visualizzare la notizia è necessario abbonarsi al S.I.T. di Consultmedia.

Per informazioni sulle modalità di abbonamento clicca qui.

22/05/2009 11:59
 
NOTIZIE CORRELATE
Interessante pronuncia del tribunale di Milano sull'obbligo di trasporto (cd. must-carry) satellitare: secondo l'organo giurisdizionale lombardo, la piattaforma sat di Sky, benché conveniente ed efficiente, non è insostituibile per un fornitore di contenuti/editore.
Si è svolto nel tribunale di Cremona il primo processo via Skype, che ha creato così un innovativo precedente in ambito giudiziario che getta le basi per nuovi iter procedurali più snelli ed economici.
E’ stato firmato un protocollo d’intesa tra Ministero della giustizia, Ministero dell’economia e delle finanze, Consiglio di Stato, Tar, Corte dei conti e Avvocatura dello stato, volto a realizzare un coordinamento permanente in materia di informatizzazione della Giustizia ordinaria, amministrativa, contabile e tributaria, incentivando forme di collaborazione tra le amministrazioni coinvolte e individuando soluzioni comuni e strumenti concreti.
Una delle più importanti novità per gli operatori del diritto e per i cittadini introdotta dal Decreto Legge 22 giugno, n. 83 (cosiddetto “Decreto Sviluppo”), convertito dalla Legge 7 agosto 2012, n. 134 (G.U. n. 187 del 11 agosto 2012), operativa da ieri - 11 settembre 2012 - riguarda la previsione da parte del legislatore della necessità di una delibazione preliminare della Corte d’Appello incentrata sulla ragionevole probabilità di accoglimento del gravame.
Con decreto direttoriale sono state stabilite le regole tecniche che permettono, nell’ambito del processo tributario, l’utilizzo della posta elettronica certificata (PEC) per le comunicazioni di cui all’articolo 16, comma 1-bis, del decreto legislativo 31 dicembre 1992, n. 546.